USA: Stockton ha sperimentato il reddito di base, funziona e va esteso


Questo articolo è stato scritto da Michael D. Tubbs (sindaco di Stockton)*.

Nel gennaio 2020,  Tomas Vargas Jr. è  passato a un nuovo lavoro con retribuzioni e benefici migliori. A marzo, a causa di COVID-19, Tomas ha perso questo lavoro ed è diventato uno dei quasi 43 milioni di americani che hanno presentato domanda di disoccupazione. A differenza della maggior parte degli americani, tuttavia, Tomas ha ricevuto un reddito di base di 500 dollari al mese da febbraio 2019. Ha usato questo denaro per cibo, affitto e altre bollette. Ha anche utilizzato questo reddito per la sua comunità fornendo servizi gratuiti di riparazione auto ai lavoratori durante il periodo della pandemia e alla caserma dei pompieri locale. La storia di Tomas è solo un esempio di come un reddito di base può essere una solida base economica, specialmente durante le gravi crisi.

Lo Stockton Demostration (un programma che ho avviato ed è interamente finanziata con donazioni private), ha donato a 125 abitanti della città di Stockton, selezionati casualmente, 500 dollari al mese. Anche prima della pandemia, destinatari come Tomas stavano utilizzando i 500 dollari per i loro bisogni di base: cibo, servizi pubblici, trasporti, bollette e affitto. I dati di febbraio e marzo 2020 evidenziano come poter ricevere un reddito di base incondizionato abbia consentito alle persone di seguire un percorso virtuoso: ad esempio la spesa alimentare ha raggiunto il picco in marzo al 46,5% di tutta la spesa complessiva tracciata.

La pandemia di COVID-19 ha fatto luce sulla vasta insicurezza economica che affligge questo paese. Prima del coronavirus, il 40 percento degli americani era a rischio di rovina finanziaria e la gente stava svolgendo due o tre lavori, ma ancora non poteva permettersi le basi per una sopravvivenza dignitosa. Ora il tasso di disoccupazione è salito al 13,3 per cento; sono stati persi 20,5 milioni di posti di lavoro e le file alle banche alimentari sono lunghe chilometri.

Ma COVID-19 non sta facendo del male a tutti allo stesso modo. Gli americani di colore ne soffrono di più ad esempio,  da una parte sono più vulnerabili ai licenziamenti, dall’altra sono la maggioranza nei lavori ritenuti più essenziali. I latini rappresentano il 64 percento dei lavoratori agricoli, mentre gli afro-americani  rappresentano il 30 percento degli infermieri professionali. E nessuno sopporta un peso maggiore delle donne, che costituiscono la maggioranza di tutti i lavoratori essenziali, mentre svolgono ancora il lavoro di assistenza non retribuito che mantiene a galla tutta l’economia del paese.

È essenziale stare con questi lavoratori e le loro famiglie, poiché uno su tre vive in una famiglia che guadagna meno di 40.000 dollari all’anno. Questi lavoratori stanno combattendo in prima linea, ma non hanno accesso a protezioni come prestazioni sanitarie, congedi per malattia retribuiti e indennità. Meritano la tranquillità e la sicurezza che deriva dal sapere che, dopo tutto il loro lavoro essenziale per la comunità, avranno abbastanza soldi per pagare il necessario per vivere.

L’insicurezza economica è, di per sé, una pandemia, aggravata quest’anno da COVID-19. Ma il prossimo anno sarà un terremoto, un’alluvione o un’altra disastrosa stagione degli incendi. E, ancora una volta, saranno quelli già più emarginati a essere maggiormente colpiti. Dobbiamo superare questa crisi e uscirne meglio programmando e attuando un reddito garantito. Come dice mia madre, se siamo pronti, non dovremo più prepararci.

Stockton ha spianato la strada, e i leader nazionali stanno seguendo il nostro esempio. Più di recente, il senatore americano Kamala Harris della California ha unito le forze con il senatore Ed Markey del Massachusetts e il senatore Bernie Sanders del Vermont per introdurre un disegno di legge che prevede un pagamento mensile di 2.000 dollari a coloro che guadagnano meno di 120.000 dollari. I pagamenti, retroattivi a marzo e della durata di tre mesi dopo l’emergenza sanitaria pubblica, verrebbero erogati indipendentemente dal fatto che le persone abbiano un numero di previdenza sociale. Un nuovo sondaggio mostra il supporto bipartisan a questo disegno di legge, con la maggior parte degli americani che pensa che un pagamento una tantum non sia sufficiente.

Insieme, queste proposte e sondaggi inviano un messaggio chiaro: l’insicurezza economica non è un problema di parte; non è un problema tra East Coast vs. West Coast; non un «noi contro di loro». L’ultima tempesta economica di questa scala è stata risolta con un’estensione radicale della rete di sicurezza sociale. Questo è il momento per un nuovo New Deal e dobbiamo soddisfare le esigenze del tempo aggiornando il nostro contratto sociale, implementando un reddito garantito per tutti.

Fonte: *Basic Income: Today

Lascia un commento