USA: oltre 1 milione di firme per chiedere al governo un reddito di base di 2.000 dollari al mese


I senatori democratici hanno proposto un disegno di legge per un sostegno al reddito di circa 2.000 dollari al mese. Più di un milione di persone hanno firmato una petizione a sostegno dell’idea.

La petizione online è stata promossa da Stephanie Bonin, proprietaria di un ristorante di Denver, ed ha raccolto in pochi giorni 1.180.506 firme. La petizione invita il Congresso ad approvare una legislazione che assegni pagamenti mensili di 2.000 dollari per gli adulti e  1.000  dollari per i bambini per tutta la durata della crisi legata al coronavirus. «Altrimenti, i lavoratori licenziati, i lavoratori autonomi e i lavoratori con orario ridotto faranno sempre più fatica a pagare l’affitto o mettere il cibo sul tavolo», afferma la petizione. «Il Congresso deve assicurarsi che non saremo lasciati da soli».

L’8 maggio, i senatori Bernie Sanders, Kamala Harris e Ed Markey hanno presentato un disegno di legge per contrastare la crisi economica. Ogni individuo che guadagna meno di 120.000 dollari all’anno riceverà 2.000 dollari ogni mese per la durata di tutta la pandemia, compresi i pagamenti retroattivi (da marzo), e nei tre mesi immediatamente successivi. Le coppie sposate riceveranno 4.000 dollari al mese e chiunque abbia figli potrebbe ricevere 2.000 dollari per ogni figlio, con un massimo di tre figli.

A marzo, il Congresso ha approvato la legge CARES, un pacchetto di incentivi per la crisi del coronavirus. Gli americani che hanno un reddito lordo inferiore a 75.000 dollari hanno ricevuto 1.200 dollari e altri 500 per ogni bambino. Il disegno di legge ha ricevuto il sostegno bipartisan ma Harris ha dichiarato che un pagamento una tantum non è «sufficiente per soddisfare le esigenze di questa crisi storica».

Proprio come le bollette (che arrivano ogni mese), Harris ha detto che così dovrebbe fare anche l’aiuto del governo: arrivare cioè ogni mese. Sanders ha detto che è «responsabilità» del Congresso «garantire che le famiglie della classe operaia in America – durante questa emergenza – ricevano pagamenti ogni mese in modo che possano continuare a pagare l’affitto, mettere il cibo sul tavolo e far quadrare i conti».

Negli Stati Uniti più di 38 milioni di persone hanno presentato domanda di disoccupazione, secondo l’ultimo rapporto del Dipartimento del Lavoro.

Fonte: Basic Income Today

Lascia un commento