Stati Uniti: un reddito garantito per le donne afroamericane


È passato più di mezzo secolo da quando il Dr. Martin Luther King, Jr. ci spiegò come il governo federale fornisce ai bianchi un piano economico su cui costruire, modellare e coltivare la supremazia bianca negli Stati Uniti.

King intendeva dire che la ricchezza generazionale era una delle chiavi per sopravvivere in una nazione che preferisce il lavoro nero libero ai neri liberi, e che era tempo di liberare il capitale dal pugni stretti e cuori freddi di coloro che discendevano dalle stesse persone che schiavizzavano i nostri antenati.

Oggi, il 54 percento dei bambini afroamericani vive in povertà, rispetto al 19 percento dei bambini bianchi. Le donne afroamericane single con una laurea di 20-39 anni hanno un patrimonio netto medio di – $ 11.000 (sì, hai letto bene, è negativo) a $ 0, mentre le donne bianche single hanno un range di patrimonio netto compreso tra $ 3.400 e $ 7.500 . I numeri sono persino peggiori per le donne e le loro famiglie nel Mississippi, dove le donne afroamericane producono il 56 percento di quello che produce un uomo bianco.

Questo è il motivo per cui la Magnolia Mother’s Trust , la prima iniziativa di reddito garantito che si concentra in particolare sulle donne afroamericane, è di vitale importanza. L’anno scorso, Springboard to Opportunities è stato in grado di dare a 20 mamme che vivono in case sovvenzionate $ 1.000 ogni mese senza vincoli. Abbiamo in programma di farlo di nuovo quest’anno, ma lo faremo più in grande.

Volevamo testare cosa sarebbe successo se avessimo dato la possibilità (il potere) alle donne afroamericane di essere le protagoniste delle loro stesse vite – con la consapevolezza che loro e solo loro sanno di cosa hanno bisogno le loro famiglie. Volevamo esplorare cosa sarebbe successo se il potere e le risorse istituzionali fossero stati utilizzati al servizio delle donne afroamericane e non per la loro emarginazione e distruzione.

Sebbene il progetto pilota iniziale sia stato relativamente limitato, i risultati sono stati potenti.
«Sono stato in grado di non dover chiedere a nessuno di pagare la metà delle mie bollette, sono stata in grado di pagarle tutte», ha detto Erania Smith, madre di quattro figli che, tornata a scuola per una laurea in assistenza amministrativa, ha preso parte al primo turno del programma. «Mi è sembrato di avere un peso sollevato dalle mie spalle perché quello stipendio, prima come oggi e ora, è davvero una benedizione».

Per la prima volta nella loro vita, molte donne hanno avuto la libertà di vivere e respirare.

Perché è così straordinario? Sappiamo che le donne e i bambini afromericani hanno maggiori probabilità di vivere in condizioni di profonda povertà rispetto a qualsiasi altro gruppo demografico. Il sistema economico del nostro paese ha storicamente vietato ai neri non solo la mobilità verso l’alto, ma perfino le semplici necessità umane di base come acqua, cibo e alloggio. E le donne afroamericane sono danneggiate in modo sproporzionato.
Ecco come funziona un lento genocidio.
Questo è l’incubo americano.

Magnolia Mother’s Trust passerà da un progetto pilota a un progetto dimostrativo completo nel marzo 2020, fornendo sostegno finanziario e capitale sociale a un minimo di 75 donne di colore e ai loro figli. Siamo entusiasti della magia e delle possibilità che si materializzeranno mentre a queste donne viene data l’opportunità di creare la propria vita. Sappiamo che ci saranno altre storie simili a quelle di Erania, in cui le donne saranno in grado non solo di pagare tutte le bollette, ma anche di sognare ciò che verrà dopo.

Questo lavoro va oltre il reddito garantito. Si tratta di modellare e coltivare possibilità radicali. Il nostro obiettivo è quello di mettere al centro le donne afroamericane, verso percorsi di abbondanza e di possibilità, in modo che le nostre comunità, le nostre famiglie, noi, possiamo fare più di sopravvivere, possiamo prosperare, possiamo assicurarci un futuro.

È arrivato il momento di scoprire cosa significhi vivere e agire in libertà.

Fonte: MSmagazine

Lascia un commento