Sudafrica: verso un reddito di base al posto dei sussidi introdotto per il Covid?


Il ministro per lo Sviluppo sociale Lindiwe Zulu afferma che il Sudafrica dovrebbe introdurre un reddito di base una volta che le misure di sostegno, introdotto durante la Pandemia da Covid-19, si concluderanno alla fine di aprile.

Zulu lo ha affermato durante una plenaria all’Assemblea nazionale il 12 marzo 2021, sostenendo che, nonostante le questioni economiche che attualmente si trova ad affrontare il paese, l’introduzione di una qualche forma di reddito di base è attesa da tempo. “Non è il momento per noi di fare politica su questo tema, perché questo è un problema che dovrebbe consentirci di rispondere ai bisogni della popolazione del Sud Africa. Questo è il momento per me, il mio dipartimento e le mie competenze per ottenere il sostegno necessario dal governo più ampio e andare oltre la discussione e le proposte politiche”. Zulu ha affermato che la discussione deve avvenire quando le sovvenzioni Covid-19 introdotte dal governo finiranno e dunque va introdotta un’opzione più sostenibile. La pandemia ha spinto il presidente Cyril Ramaphosa ad annunciare un aumento temporaneo delle sovvenzioni esistenti.

L’ANC ha già affermato che esaminerà la proposta per comprendere la fattibilità dell’introduzione di un reddito di base come parte di una serie di risultati decisi dal suo Comitato Esecutivo Nazionale (NEC). .

A gennaio, il presidente Cyril Ramaphosa ha affermato che il governo dell’African National Congress valuterà l’introduzione di una sovvenzione per il reddito di base in Sud Africa nel 2021. Parlando alle celebrazioni del 109 ° anniversario del partito, Rampahosa ha detto che “questa ipotesi potrebbe essere introdotta dopo che le misure finanziarie di emergenza introdotte a causa della pandemia Covid-19, saranno terminate. Nonostante le risorse limitate del paese, il paese deve cercare di identificare altre misure di riduzione della povertà”, ha detto.

Fonte Businesstech

Lascia un commento