Stati Uniti: reddito di base, un progetto sperimentale per i precari


Si chiama Workers Strength Fund ed è sostenuto finanziariamente e operativamente da Commonwealth, Google.org, Rockefeller Foundation e Prudential Financial. La nuova sperimentazione di un reddito di base sarà quello di erogare un beneficio economico di 1000 dollari americani ( in maniera incondizionata) a 500 lavoratori precari (selezionati casualmente) che vivono nelle città di Dallas, Detroit, San Francisco e New York. Il denaro sarà erogato come un pagamento una tantum, per far fronte a spese impreviste, come una sorta di kit di emergenza visto che, come denuncia la Federal Reserve, il 40% degli americani non possa affrontare un costo inaspettato di sopra i 400 dollari.

Questo particolare progetto pilota sarà in corso da luglio e fino alla fine del 2019 e sta raccogliendo dati su come le persone spendono i soldi, oltre a cercare di capire come il loro senso di sicurezza è cambiato dal momento che sanno di poter avere a disposizione 1000 dollari in caso di necessità. I sostenitori del progetto pilota sono convinti che le persone si sentiranno meno oppresse dalla loro condizione economica e quindi più in grado di prendere decisioni in maniera più serena e libera.

Non si tratta di un vero e proprio esperimento sul reddito di base universale, poiché, in questo caso, non fornisce un pagamento regolare, né copre i bisogni di base mensili, né il campione dei beneficiari copre l’intera società americana (ma solo un piccolo sottogruppo di precari con bassi salari), tuttavia può essere considerato un esperimento di un reddito di base incondizionato, dunque senza alcuna contropartita richiesta, e destinato ad un gruppo sociale specifico per testare appunto che benefici comporti per quei lavoratori discontinui che possono cadere in povertà per spese impreviste.

Rachel Schneider (esperta di economia, autrice di “The Financial Diaries: How American Families Fares in a World of Uncertainty”) e David Weil (della Heller School for Social Policy and Management presso la Brandeis University e la Lead Policy & Research del Worker Strength Fund Advisor) sono due dei principali ideatori e promotori di questo progetto.

Fonte BIEN

Lascia un commento