Stati Uniti, Covid-19: in arrivo 2.000 miliardi di dollari alle famiglie americane?


Mercoledì sera il Senato degli Stati Uniti d’America ha approvato all’unanimità un pacchetto di aiuti per sostenere l’economia e le famiglie americane contro l’avanzare del coronavirus stanziando 2.000 miliardi di dollari.

Il disegno di legge prevede l’invio diretto di assegni agli individui a seconda del reddito riportato sulle tasse del 2019. I pagamenti partirebbero da 1.200 dollari, a diminuire per gli individui che hanno guadagnato più di 75.000 dollari e per le coppie sposate che hanno presentato una domanda congiunta e hanno guadagnato più di 150.000 dollari. Si aggiungerebbero poi 500 dollari per ogni figlio. I capifamiglia che hanno guadagnato 112.500 dollari o meno avrebbero diritto al rimborso completo, che diminuirebbe per quelli che hanno guadagnato di più. Le persone che hanno guadagnato più di 99.000 dollari e le coppie che hanno guadagnato più di 198.000 dollari, non avrebbero diritto al pagamento.

“Questo non è un momento di celebrazione, ma di necessità”, ha detto il leader della minoranza del Senato Chuck Schumer, mercoledì stesso. “A tutti gli americani, dico: Gli aiuti stanno arrivando”.

L’idea di inviare denaro direttamente agli americani non è senza precedenti, gli Stati Uniti lo hanno fatto già due volte negli ultimi due decenni: nel 2008, gli americani hanno ricevuto un assegno dal governo federale di 300-600 dollari (più 300 dollari per ogni bambino sotto i 17 anni) poco prima della crisi finanziaria come parte di un massiccio disegno di legge. Nel 2001 invece, il governo ha tagliato un assegno di 300 dollari alla maggior parte degli americani.

Un sondaggio NPR/PBS NewsHour/Maris la scorsa settimana ha rilevato in un sondaggio che il 18% dei lavoratori americani ha perso il lavoro o ha subito tagli alle ore di lavoro, ha riportato il Los Angeles Times. Economisti come Jason Furman, capo del Consiglio dei consulenti economici dell’amministrazione Obama, ha sostenuto con forza l’idea di inviare assegni agli individui.

Durante la recessione di oltre un decennio fa, gli assegni governativi sono stati consegnati alla maggior parte delle persone per posta o depositati direttamente su conti bancari – a condizione che l’anno precedente avessero presentato la dichiarazione dei redditi. Il Segretario del Tesoro Steven Mnuchin ha detto che l’amministrazione Trump mira a inviare la prima serie di assegni entro la fine di aprile, ha riferito la settimana scorsa al Wall Street Journal.

Fonte 1: Markets Insider

Fonte 2: Business Insider 

Lascia un commento