Stati Uniti: come l’Università di Chicago aiuterà a valutare il progetto pilota di reddito di base della città


Il  Chicago Resilient Communities Pilot  distribuirà più di 30 milioni di dollari a 5.000 famiglie a basso reddito di Chicago che hanno avuto difficoltà economiche durante la pandemia di COVID-19. Si tratta di un progetto pilota che erogherà 500 dollari al mese, in maniera incondizionata, per un anno.

Sarà l’ Inclusive Economy Lab dell’Università di Chicago , con sede presso la  Harris School of Public Policy , che valuterà il funzionamento del progetto pilota, suggerirà miglioramenti e condividerà l’impatto del programma a partire proprio dalle esperienze dei partecipanti.

“Una delle cose davvero grandiose di questo programma è che è molto ampio e ambizioso, il più grande progetto pilota nel paese in termini di partecipanti”, ha affermato Carmelo Barbaro, direttore esecutivo dell’Inclusive Economy Lab. “Ciò ci consentirà di parlare con molta più precisione e sicurezza alle domande su chi trae maggiori benefici o in che modo le persone potrebbero trarre beneficio da un reddito di base”.

Il periodo per fare domanda a partecipare al progetto pilota è stato avviato il 25 aprile 2022 e proseguirà fino alla mezzanotte del 13 maggio. I partecipanti selezionati in modo casuale sono stati  informati entro la fine di maggio.

“Abbiamo avuto conversazioni informali con la città per mesi su un programma di reddito di base, che è stato frutto delle nostre relazioni e partnership con una varietà di dipartimenti cittadini su una serie di progetti di ricerca. Tutti questi obiettivi mirano a capire come la politica locale, statale e federale può espandere le opportunità economiche, in particolare nei quartieri dei lati sud e ovest che hanno avuto storicamente delle opportunità limitate. Con il progetto pilota, la città si impegna a raggiungere tre obiettivi: capire come questa infusione di benefici in denaro possa aiutare i partecipanti al programma, alle loro famiglie e alle loro comunità; dare a queste persone l’opportunità di condividere le proprie esperienze con parole proprie; identificare modi per rafforzare la realizzazione di questi programmi in futuro. Quindi, abbiamo progettato un programma di ricerca completo che risponderà a queste categorie di domande con il supporto di un team nazionale di docenti di diverse istituzioni, nonché dello staff di Inclusive Economy Lab.”

Cosa distingue il Chicago Resilient Communities Pilot da altri programmi universali di reddito di base?

Esistono numerosi programmi o modelli di programma leggermente diversi, ma che spesso vengono raggruppati insieme. L’idea alla base di un reddito di base universale è che sia universale. Tutti lo ottengono, non importa quanti soldi guadagna una persona o se si alzano ogni giorno e vanno al lavoro o si prendono cura della propria famiglia o qualcos’altro. E l’idea che sia un reddito di base è che è un importo minimo necessario per sopravvivere. Il reddito garantito, che è il modo in cui classificherei questo programma, è diverso principalmente in quanto non pretende di essere universale. Quindi, potrebbe essere incentrato su target specifici che riteniamo possano avvantaggiarsi da questo beneficio economico. Non sarà necessariamente universale, ma fornisce supporto illimitato, incondizionato e regolare.

Si parla da tempo del concetto di reddito di base. Milton Friedman ne era un sostenitore, a partire dal 1962. Da dove ha avuto origine il concetto e perché è diventato più ampiamente accettato negli ultimi anni?

L’idea di dare alle persone una sorta di reddito minimo con cui sopravvivere è stata battuta da secoli. Penso che Milton Friedman sia spesso citato perché il suo sostegno a questa idea è un po’ controintuitivo. È un economista di spicco, spesso associato ad alcuni degli approcci economici più conservatori degli anni ’60 e ’70. Ci sono alcune sfumature: ciò per cui Milton Friedman sosteneva era un’imposta sul reddito negativa, in cui se si lavorava di più, l’importo del sostegno del governo sarebbe effettivamente diminuito nel tempo. Alcune di queste considerazioni sulla progettazione delle politiche fanno la differenza nel mondo reale. Ma l’idea che il modo migliore per supportare le persone sia dare loro dei soldi è qualcosa che ha attratto sia la sinistra che la destra. Le ragioni per cui l’interesse per questi programmi è in aumento possono dipendere da tre cose: disuguaglianza, automazione del lavoro e problemi con i programmi delle reti di sicurezza esistenti. La crescita della disuguaglianza di reddito e ricchezza negli Stati Uniti è molto ben documentata, e c’è una crescente sensazione che, in particolare con l’aumento dei costi di alloggio, assistenza sanitaria e istruzione e superando i guadagni salariali, sia necessario un altro approccio oltre al semplice chiedere alle persone di lavorare per avere una società più inclusiva, in cui le persone possono davvero condurre vite migliori. C’è anche solo il riconoscimento che molte persone che lavorano stanno lottando per sbarcare il lunario. L’idea ha anche ricevuto di recente un prestigio aggiuntivo grazie alla convinzione che il ritmo dell’automazione aumenterà nei prossimi anni e che si verificheranno molte dislocazioni economiche fino a quando le persone non si riqualificano o trovano altre forme di lavoro. Alcuni ritengono che un ulteriore supporto sotto forma di liquidità illimitata potrebbe facilitare la transizione. Infine, penso che ogni anno che passa, le carenze dei nostri programmi di rete di sicurezza esistenti diventino sempre più evidenti: il grado in cui i processi di applicazione sono resi inutilmente complessi, il grado in cui le restrizioni governative poste su ciò che ti è permesso fare o come spendere soldi a volte lasciano buchi evidenti.

Oltre al laboratorio, altri partner del progetto pilota sono il  Dipartimento dei servizi per la famiglia e il supporto di Chicago ,  GiveDirectly e  YWCA del Metropolitan Chicago . Quali sono i loro ruoli?

Il Dipartimento per la famiglia e i servizi di supporto forniranno il finanziamento e GiveDirectly, in qualità di amministratore principale del programma, determinerà quali candidati soddisfano i requisiti di idoneità e inserirà tali nomi per la selezione che sarà casuale. GiveDirectly è anche responsabile di effettuare i pagamenti e assicurarsi che i partecipanti al programma li ricevano in tempo, abbiano una buona esperienza, ricevano risposte alle domande e cose del genere. L’YWCA del Metropolitan Chicago sta guidando una coalizione di partner che incoraggia i cittadini di Chicago a candidarsi al programma, in particolare i residenti che potrebbero avere difficoltà a ottenere la documentazione richiesta o che hanno domande sulla loro idoneità al  programma. L’YWCA garantirà che il programma sia ampiamente accessibile a tutti coloro che ne sono idonei.Sei in grado di condividere informazioni sul funzionamento del reddito di base garantito? È troppo presto per trarre conclusioni significative?

Una delle cose che trovo così interessante nel lavorare in questo spazio è che le persone che sono ardenti sostenitori del reddito garantito e le persone che sono profondamente contrarie sono tutte ugualmente convinte che tonnellate di ricerche supportano la loro posizione. E penso che questo sia esattamente il contesto in cui avere un valutatore di terze parti obiettivo può essere davvero utile e può aiutare a far avanzare il dibattito. Direi che ci sono ancora più domande che risposte. Alcuni studi su politiche analoghe come l’  Alaska Permanent Fund  hanno fatto luce su alcune domande, ad esempio, se le persone hanno meno probabilità di lavorare quando ottengono quel tipo di sostegno. Almeno in Alaska, non sembrava avere un impatto sul fatto che le persone scegliessero di lavorare o meno. Ora, i pagamenti del Fondo permanente dell’Alaska sono molto più piccoli di quelli della città di Chicago, quindi le cose potrebbero sembrare un po’ diverse qui. Sento anche una narrazione pubblica secondo cui le persone useranno il reddito di base per fare cose nefaste. Dai progetti piloti fatti finora, non c’è davvero alcuna prova di ciò. Oltre a ciò, studi di programmi analoghi hanno mostrato benefici per la salute, sicuramente in termini di salute mentale, livello di istruzione e stabilità abitativa. Quindi, penso che esista supporto per l’idea che questo andrà a beneficio dei residenti di Chicago. Ma le domande su come ciò avvantaggia i residenti, se tutti beneficiano allo stesso modo o se la città dovrebbe prendere in considerazione l’idea di fare qualcosa di più mirato in futuro, se sostenere le madri di bambini piccoli o le persone che attualmente hanno alloggi instabili, questo è il tipo di domande che ulteriori ricerche possono davvero aiutare a fare luce.

Cosa trovi particolarmente eccitante o intrigante nel progetto pilota per le comunità ?

Progettando qualcosa di così ambizioso e impegnandosi a fare una valutazione davvero rigorosa, Chicago ha il potenziale per aiutare il progresso del dibattito nazionale sulla progettazione di politiche di questo tipo e portare un livello maggiore a quelle discussioni che penso sia giustificato, dato il gravità delle sfide che le persone devono affrontare, ma anche il prezzo potenziale di una politica come questa. Merita sfumature. E penso che la città sia davvero in una posizione di leadership su questo. Sono anche molto entusiasta del ruolo che svolgerà la  Crown Family School. Sotto la direzione di  Shantá R. Robinson , assumeranno studenti laureati per gestire le domande dei partecipanti, aiutare a intervistarli e raccogliere ricerche importanti su come potremmo migliorare il progetto pilota. Crown ha anche in programma di ospitare dibattiti pubblici sul tema del reddito garantito. Tutto sommato, dovrebbe rafforzare il nostro lavoro ed essere un’esperienza incredibilmente preziosa per gli studenti.

Il Resilient Communities Pilot è una delle numerose collaborazioni tra il Lab e la città di Chicago che si concentrano sul rafforzamento del governo locale. Puoi fornire altri esempi recenti e degni di nota?

Abbiamo rapporti esistenti con, ad esempio, il Dipartimento per l’edilizia abitativa e il Dipartimento per i servizi per la famiglia e il supporto della città, e poi con agenzie come le scuole pubbliche di Chicago e i City College. Lavoriamo a stretto contatto con tali organizzazioni per condurre ricerche rigorose, rispondendo a domande utili ai responsabili politici, spesso di natura valutativa. Due degli esempi più recenti che vorrei segnalare sono un  rapporto di ricerca che  abbiamo pubblicato lo scorso agosto in collaborazione con le scuole pubbliche di Chicago che aiuta il distretto a capire meglio quanto fosse diffuso il problema dei senzatetto tra gli studenti della scuola pubblica di Chicago e come questo abbia avuto un impatto sugli studenti. Quella ricerca ha anche contribuito a sollevare alcune strategie promettenti per sostenere gli studenti a rimanere impegnati a scuola. Abbiamo anche lavorato molto con la città intorno alla sua risposta al COVID-19, in particolare l’  uso dell’assistenza in contanti come strategia per prevenire gli sfratti e sostenere la stabilità abitativa . Il nostro lavoro include la determinazione dei modi per migliorare la domanda e il processo di verifica dell’idoneità, quindi la città non ha escluso inavvertitamente i cittadini di Chicago idonei.

Cosa speri di aver ottenuto entro la fine della partecipazione al Lab?

Come ricercatore, la cosa più importante per me è capire se il programma sul reddito di base ha giovato ai cittadini di Chicago e che tali informazioni sono messe nelle mani di persone in grado di prendere decisioni corrette. La mia speranza è certamente che ciò vada a vantaggio dei cittadini di Chicago e che la città, lo stato e il governo federale prendano decisioni più intelligenti su come supportare i cittadini che lavorano sodo nel raggiungimento dei loro obiettivi utilizzando i risultati di questo studio. Ma, esattamente come sarà, solo il tempo lo dirà.

Fonte UChicago News

Lascia un commento

http://staging.johnfyn.com/hot-virtual/change-language-in-eharmony-tingle-dating-app-for-android/