Stati Uniti: a New Orleans prende il via il progetto di reddito di base contro la povertà giovanile


La città di New Orleans ha lanciato un progetto di reddito di base unico nel suo genere: fornire una somma monetaria agli adolescenti dai 16 anni. Per 10 mesi, 125 partecipanti di età compresa tra 16 e 24 anni riceveranno 350 dollari al mese in maniera incondizionata, come parte di un nuovo progetto pilota di reddito garantito. I partecipanti possono spendere i soldi come vogliono. Lo studio accompagnato al progetto intende comprendere come il reddito di base aiuti a comprendere e soddisfare i bisogni dei giovani che vivono in povertà o in disagio economico e sociale. La scelta dei giovani è data dal fatto che questi sono spesso trascurati dagli altri sistemi di ammortizzatori sociali.

“Se vogliamo salvare la città, si tratta di investire nei nostri giovani, colmare le lacune in cui sappiamo che le risorse sono necessarie in modo da poter dare loro un percorso per prendere decisioni migliori che avranno un impatto su tutte le nostre vite”, ha detto il sindaco di New Orleans LaToya Cantrell.

A dicembre, quando il sindaco ha annunciato per la prima volta il progetto pilota, ha affermato in una dichiarazione che molti residenti avevano bisogno di aiuto urgente per i bisogni di base. “Niente aiuta una famiglia in difficoltà come avere i soldi in tasca, e da nessuna parte questo è più evidente che tra gli afro-americani, che hanno maggiori probabilità di essere disoccupati ma meno probabilità di ottenere sussidi di disoccupazione”.

Mentre i critici di questo tipo di programmi li chiamano sussidio , in parte perché non ci sono requisiti di lavoro, i sostenitori indicano che questi programmi sono il modo più efficace per combattere la povertà , perché le persone possono indirizzarlo verso ciò cdi cui hanno bisogno con meno ostacoli burocratici e senza attingere a più tipi di programmi di assistenza.

La prima cosa che Jerred Franklin, uno dei beneficiari, di 20 anni, ha comprato è stato del cibo. Ha ricevuto il suo primo assegno insieme agli altri partecipanti al programma il 29 aprile 2022. Pensa ancora “è troppo bello per essere vero. Nessuno mi ha mai dato soldi gratis”, ha detto Franklin, che vive con i suoi genitori e ha lottato per trovare un lavoro stabile da quando si è diplomato al liceo nel 2019. “Quando ho ricevuto il reddito di base per la prima volta, ho portato alcuni amici a mangiare, poi ho comprato del cibo e altre cose per la casa e ho pagato la bolletta del telefono”, ha detto Franklin. “È stato un grande aiuto. Sono sempre preoccupato di non essere in grado di pagare un conto e di non sapere da dove prenderò i soldi o chi si sarebbe fatto avanti per aiutarmi”.

Il reddito garantito è un pagamento mensile in contanti destinato a fornire stabilità finanziaria a coloro che non guadagnano abbastanza per soddisfare i bisogni di base. Non ci sono obblighi ad accettare un lavoro e i partecipanti possono spendere soldi in qualsiasi modo abbia più senso per loro stessi e le loro famiglie.

A New Orleans, come in altre città, i dati aggregati anonimi delle carte di debito elettroniche utilizzate dai destinatari per accedere al reddito di base verranno tracciati per identificare e comprendere meglio i bisogno e le finalità di spesa. I partecipanti riceveranno pagamenti ogni quattro settimane e aiuteranno con i dati della ricerca compilando un sondaggio anonimo ogni cinque mesi e 40 dei partecipanti faranno un colloquio qualitativo con i ricercatori.

Franklin ha detto che si rende conto “che la maggior parte delle persone penserà che i giovani beneficiari sprecheranno i soldi. Ma io la vedo più come un’opportunità per fare ciò che vuoi a beneficio mio e della mia famiglia”, ha detto Franklin, che attualmente è disoccupato ma ha lavorato nel commercio al dettaglio e in un magazzino. “Sapere che hai bisogno di qualcosa e non averlo è frustrante perché ne hai bisogno e non puoi ottenerlo”, ha detto. “Ora posso mettere da parte anche un pò di soldi per poterli avere quando ne avrò bisogno.”

New Orleans è una delle tre città del sud – Shreveport, Louisiana, e Birmingham, Alabama, – ad aver recentemente avviato programmi di reddito garantito. L’interesse per questi tipi di programmi di reddito di base è cresciuto subito dopo la pandemia. Attualmente, ci sono 20 programmi pilota finanziati dal programma Mayors for Guaranteed Income (MGI). Altri venti sono attesi entro la fine dell’anno. MGI è una rete di 80 sindaci che sostengono un reddito garantito ed è finanziata principalmente da capitali privati. Ogni programma ha una popolazione target diversa.

“Vediamo il reddito garantito come un modo per assicurarsi che tutte le famiglie abbiano una soglia di reddito dalla quale non si scenda. Lo stiamo usando come strumento per l’equità razziale e di genere e stiamo davvero cercando di colmare il divario di reddito esistente”, ha detto al NewsHour il direttore esecutivo di MGI Sukhi Samra. “La pandemia ha davvero messo in evidenza quanto le famiglie americane siano vicine all’insicurezza economica”. Quasi il 40% degli americani non può permettersi una singola emergenza da $ 400, secondo un sondaggio della Federal Reserve del 2018 . È uno dei fattori utilizzati per calcolare l’importo dei pagamenti mensili. “Abbiamo già ascoltato alcuni beneficiari del reddito di base. Lo stanno usando per sostenere le spese per l’assistenza all’infanzia, fare il pieno di medicine, comprare cibo”.

Mentre i critici affermano che i partecipanti al programma usano i soldi per comprare cose non necessarie o come scusa per non lavorare, Emily Wolff, che dirige il New Orleans Guaranteed Income Program, ha detto che “rifiuta l’idea che si tratti di un sussidio. I beneficiari lo stanno usando per sostenere le spese per l’assistenza all’infanzia, le medicine, comprare cibo e una neomamma l’ha usato per potersi pagare un mezzo di trasporto per portare la sua bambina di 10 mesi dal medico”, ha affermato Wolff.

“La nostra speranza è che quando capovolgi il paradigma e dai alle persone denaro incondizionatamente e senza vincoli, allora vedranno che il governo è disposto e in grado di investire in loro, e questo inizia a incoraggiarli a impegnarsi un po’ di più, ” ha detto il direttore esecutivo di MGI Sukhi Samra.

Samra ha affermato che “i programmi aiutano a raccogliere informazioni sul fatto che il reddito di base garantito aiuti a spingere le persone ad accedere a un lavoro a tempo pieno o part-time o consenta alle persone di tornare a scuola e completare la loro istruzione”. 

I pagamenti di  350 dollari di New Orleans sono molto inferiori rispetto ad altre città. Altri programmi, come uno in Mississippi , danno alle afroamericane di Jackson $ 1.000 al mese, e a Stockton, in California, i partecipanti hanno ricevuto $ 500 al mese.

Il Center for Guaranteed Income Research dell’Università della Pennsylvania studierà cosa succede alle persone che partecipano ai progetti pilota e rilascerà i suoi risultati. I sostenitori sperano che porti alla creazione di un programma di reddito garantito federale.

Oltre ai benefici individuali che una famiglia riceverà, i sostenitori sperano che i programmi pilota aumenteranno anche la quantità di dati che possono essere utilizzati per individuare anche altre soluzioni. Wolff ha detto che “il feedback è già incoraggiante in tutta la città”, dove il 32% dei residenti afroamericani vive in povertà . Il programma “è qualcosa che può aiutare a dare ai giovani qualcosa per prendersi cura di se stessi e delle loro famiglie”.

La città ha fatto affidamento su nove programmi comunitari, con scuole e organizzazioni senza scopo di lucro per indirizzare i giovani a rischio a partecipare al progetto pilota. Alcuni partecipanti provenivano dal Louisiana Center for Children’s Rights (LCCR), che funge da “difensore pubblico” per il 90% dei giovani perseguiti a New Orleans, stimati in 500-700 giovani ogni anno.

“Per noi aveva senso perché si fidava dei nostri giovani per prendere le decisioni. Abbiamo cominciato domandandoci: di cosa hanno bisogno i giovani più vulnerabili di New Orleans e come possiamo investire in loro?”, ha affermato il direttore esecutivo di LCCR Aaron Clark-Rizzio. “Dobbiamo instaurare relazioni migliori con i bambini e i nostri adolescenti nella nostra città. Sentono un profondo senso di esclusione dalla nostra comunità e dalla nostra città”.

Fonte: PBS

Lascia un commento