Spagna: la sperimentazione del reddito minimo di Barcellona ha ridotto il rischio povertà


Avere un reddito minimo garantito, fisso, riduce il rischio di povertà e migliora il benessere del beneficiario. Lo dimostra il test di un reddito minimo che il Comune di Barcellona ha realizzato tra il 2017 e il 2019 in un programma di innovazione urbana finanziato in parte con fondi europei , 14 milioni di euro in totale. A Barcellona il programma si chiamava B-Mincome ed è stato realizzato con mille famiglie dei quartieri sull’asse Besòs, la zona più povera della città.

Gli assistenti sociali che hanno seguito le famiglie beneficiarie spiegano da anni: che avere un reddito garantito mette a proprio agio le famiglie, che non devono più pensare a come compreranno il cibo o pagheranno l’affitto per il loro appartamento. Con il minimo indispensabile possono affrontare questioni altrimenti impossibili da affrontare quando si vive in difficoltà economica come la salute o l’istruzione dei propri figli. Núria Beltran, lavoratrice del centro per i servizi sociali di Besòs, assicura che i destinatari hanno avuto una situazione migliore durante la pandemia. Ha anche notato come gli aiuti abbiano conferito maggior potere alle donne che in precedenza dipendevano finanziariamente dai loro marit

I risultati presentati dagli enti di valutazione Ivalua e Igop consentono anche di quantificare alcuni aspetti. Ad esempio, il rischio di povertà grave è diminuito di 11 punti percentuali (tra le famiglie che hanno partecipato alla sperimentazione e altre dello stesso profilo ma senza reddito). L ‘”insicurezza alimentare” è scesa di 13 punti percentuali e la probabilità di non essere in grado di pagare l’alloggio, di 16.8 punti percentuali. Possono sembrare cifre minori, ma Federico Todeschini, dell’Istituto per la valutazione delle politiche pubbliche – Ivalua le ha valutate molto positive.

Tra le mille famiglie, alcuni hanno ricevuto il beneficio senza condizioni; alcuni con la condizione di stipulare piani di lavoro, formazione o partecipazione comunitaria. Il direttore dell’Innovazione e della pianificazione dell’area dei diritti sociali Luis Torrens, ha affermato che le conclusioni sostengono che “il reddito come diritto sociale facilita i percorsi per uscire dalla condizione di povertà” e ha elencato diversi vantaggi: amplia la libertà di azione, consente di abbandonare la prospettiva paternalistica dell’assistenza sociale e migliora la capacità decisionale. Ismael Blanco, di Igop ha anche sottolineato “i miglioramenti significativi nel benessere soggettivo ed avere più tempo e autonomia personale per decidere”.

Fonte El Pais

Lascia un commento