Roma 15 dicembre: Oltre la società automatica per il reddito di base


Domenica 15 dicembre 2019, ore 16-18, presso l’Auditorium del MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma, via Nizza 138 – via Reggio Emilia 54, si terrà la lectio magistralis di Bernard Stiegler Oltre la società automatica, per discutere di reddito di base e di contribuzione, creatività civile e futuro del lavoro nei territori digitali.

In occasione della traduzione italiana del suo importante e assai dibattuto primo volume su La società automatica. 1. L’avvenire del lavoro (Meltemi Editore, 2019), il filosofo Bernard Stiegler, allievo di Jacques Derrida e tra i maggiori studiosi e analisti della nostra èra digitale, torna a Roma per una lectio magistralis, che include un confronto con il pubblico, a partire dal nesso tra futuro del lavoro, garanzie sociali nell’automazione a venire e la pensabilità di spazi di creatività e innovazione sociale, artistica e culturale, a partire dalle città.

Sarà possibile ascoltare la lezione anche con traduzione simultanea, con auricolari, in lingua italiana.

Partecipano tra gli altri:
Giuseppe Allegri, Fabio Benincasa, Ilaria Bussoni, Roberto Ciccarelli, Daniela Cotimbo, Luigi Corvo, Giorgio de Finis, Dario Gentili, Nicolas Martino, Andrea Masala, Andrea Giacomo Minichini, Teresa Numerico, Iacopo Scali, Nicolò Scarano, Stefano Simoncini, Tiziana Terranova, Agnese Trocchi, Viviana Vacca, Benedetto Vecchi Ben Olds.

Bernard Stiegler, filosofo, ricercatore e studioso francese, è tra gli interpreti più critici, provocatori e visionari dell’attuale trasformazione della società digitale in società automatica. Come racconta egli stesso in Passare all’atto (Fazi editore, 2005), Stiegler intraprende i suoi studi filosofici durante la sua carcerazione (1978-1983) per rapina a mano armata, diventando in seguito allievo di Jacques Derrida. I suoi studi e le sue ricerche indagano i mutamenti psicologici, culturali, sociali, economici e politici prodotti dall’accelerazione dell’innovazione tecnologica, con particolare attenzione al presente e al futuro del lavoro, delle forme di vita e delle relazioni sociali, in un’ottica di economia contributiva.
Fondatore del gruppo di ricerca Ars industrialis, dal 2006 dirige l’Istituto di ricerca e innovazione del Centre Pompidou a Parigi e da anni porta avanti la ricerca Plaine Commune Territoire Apprenant Contributif (https://recherchecontributive.org/) per immaginare e sperimentare, nei 9 Comuni di Paris Nord in rete nell’ente intercomunale Plaine Commune, un nuovo modello macro-economico centrato sulla condivisione e diffusione dei saperi, in un’ottica di economia contributiva, basata su di un reddito di contribuzione inteso come strumento di potenziamento delle singole individualità in una prospettiva di solidarietà sociale diffusa.
Inoltre, in questi mesi Stiegler sta lavorando insieme ad un nutrito gruppo di studiosi (come Saskia Sassen, Alain Supiot e Mauro Magatti, tra gli altri) alla presentazione presso la sede ONU di Ginevra, per il 20 gennaio 2020 (in occasione del centenario della nascita della Società delle Nazioni) di un Manifesto per sostenere investimenti pubblici consistenti necessari per una condivisa lotta all’entropia nell’éra dell’Antropocene, nella prospettiva di una pace economica globale.

Tra le sue pubblicazioni tradotte in italiano si ricordano: Ecografie della televisione (con Jacques Derrida, per Raffaello Cortina Editore, 1997), Passare all’atto (Fazi editore, 2005), Re-incantare il mondo. Il valore spirito contro il populismo industriale (Orthothes, 2012), Platone digitale. Per una filosofia della rete (Mimesis, 2015), quindi ora anche il primo volume de La società automatica (Meltemi, 2019).

L’evento è promosso dal MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma in collaborazione con una rete di soggetti attivi nell’innovazione sociale, artistica e tecnologica nella città di Roma: Red Mirror, Basic Income Network – Italia BIN Italia, OperaViva Magazine, ReTer.

 

Questo l’evento FB

Qui un intervento di presentazione del collettivo Red Mirror

Qui per sostenere il BIN Italia acquistando anche la rivista “Quaderni per il Reddito” e tra questi quelli dedicati ai Big Data e all’innovazione tecnologica

Lascia un commento