Regno Unito: i laburisti pensano al reddito di base?


Il reddito di cittadinanza è l’idea più utile per ripensare lo stato sociale attraverso un beneficio economico incondizionato. Il “cancelliere ombra” dei laburisti, John McDonnel annuncia che il partito laburista sta prendendo in considerazione la proposta come strumento per affrontare i cambiamenti nel mercato del lavoro e ridurre la povertà crescente.

“La politica del partito laburista nel corso dei prossimi 18 mesi sarà aperta al dibattito; il processo politico di un forum aperto alle proposte sta andando avanti. Si può inserire la proposta in quel dibattito” ha detto McDonnel. “Si potrebbere avviare progetti pilota, sperimentazioni anche locali per introdurre gradualmente un reddito di base incondizionato.”

Mc Donnel ha proposto anche che si crei un think-tank, che permetta lo studio dei vari modelli di reddito di base.

Anche la parlamentare dei Verdi, Caroline Lucas, d’accordo con la proposta di McDonnel, sostiene che un reddito garantito avrebbe già ridotto la povertà infantile del 45 per cento, con un costo di spesa abbordabile per le casse del Regno Unito di circa 8 miliardi di sterline.

Per maggiori informazioni clicca qui

Lascia un commento