Ontario, Canada: continua la sperimentazione del reddito di base


In Ontario, continua l’esperimento del reddito di base destinato ad alcuni cittadini della provincia canadese. Di seguito un estratto di un articolo tratto da Fast Company che racconta la sperimentazione.

Alana Baltzer ha comprato il suo primo nuovo cappotto invernale recentemente. Adesso sta mangiando verdura e frutta invece di cibo spazzatura. E, poiché non si preoccupa dei soldi, sta soffrendo molto meno la sua patologia di bipolarismo. I fattori scatenati dallo stress determinato dalla mancanza di denaro sono spariti. Si è anche iscritta al college e sta cercando lavoro. “Sono cresciuta in povertà e non avrei mai pensato di uscirne”, dice al telefono. “Il reddito di base mi sta offrendo questa opportunità e non voglio sprecarlo “. L’ottimismo di Baltzer è il risultato di qualcosa di fondamentale: ha più soldi in tasca. La residente di Hamilton fa parte  dell’esperimento del reddito di base della provincia canadese dell’Ontario , che vedrà coinvolti 4.000 residenti che ogni mese riceveranno una somma monetaria. Baltzer, che ha 28 anni, è disabile dal 2008 e riceveva per questo circa 722 dollari canadesi al mese prima di iscriversi alla sperimentazione del reddito di base. Ora riceve 1,915 dollari canadesi al mese e dice che i soldi che riceve in più hanno “cambiato la sua vita”.

Il progetto pilota è uno dei tanti che sta coinvolgendo molti paesi nel mondo, ed in Ontario si estende su tre aree metropolitane: Hamilton, Thunder Bay e Lindsay. I destinatari sono singoli individui, come la Baltzer, e ricevono un reddito di base fino a  circa 17.000 dollari canadesi all’anno. Le coppie possono arrivare fino a  24.000 dollari all’anno. Se le persone scelgono di lavorare possono farlo, ma la tassazione dai guadagni da lavoro avrà una percentuale più alta.

L’idea di sperimentare un reddito di base come detto sta coinvolgendo anche altri paesi  come il grande esperimento in Kenya, in Finlandia con una sperimentaizone a livello nazionale, ed anche in Scozia  o in India.

Le ragioni di queste sperimentazioni sono molte e diverse ed in Ontario il primo obiettivo è quello di trovare modi più efficienti ed efficaci per liberare le persone dalla condizione di povertà. “Nel nostro sistema di assistenza sociale, non c’è abbastanza attenzione verso le persone” dice Kathleen Wynne, premier dell’Ontario. ” Vi sono troppe regole nei sistemi attuali di sostegno. Dobbiamo invece avere fiducia nel fatto che le persone vogliano lavorare e far parte della società in modo rispettabile. Non vogliono essere guardati dall’alto in basso e visti come non utili per la società”. Come molti altri luoghi nel mondo sviluppato, compresi gli Stati Uniti, l’Ontario è passato dal welfare degli anni ’90 a un sistema basato sull’obbligo ad accettare il lavoro, il workfare, per coloro che ricevevano sussidi. L’ Ontario ha diversi programmi di workfare che forniscono sostegni economici per le persone che cercano lavoro. Ma Wynne dice che la conseguenza, non intenzionale, è quello di avere dei sistemi molto costosi ed altamente burocratici. Le persone devono dimostrare di non potersi sostenere e quindi questi programmi di inserimento devono tenere sempre traccia delle circostanze di ogni “cliente” (si chiamano clienti, non cittadini), il loro livello di risorse finanziarie e se stanno ricevendo altri sostegni, dalle indennità di alloggio ai benefit per l’abbigliamento invernale. Tutto ciò accresce i costi del governo e rende la richiesta dei sussidi un compito arduo anche per chi ne ha diritto. Alla fine per coloro che hanno diritto al welfare è diventato “un lavoro a tempo pieno per poter sopravvivere”, dice il premier Wynne.

Inoltre, i programmi di workfare come Ontario Works hanno una concezione limitata di ciò che è il lavoro. Non rispetta il lavoro non retribuito che genitori e badanti svolgono all’interno della loro casa, o il lavoro di volontariato che le persone ufficialmente “disoccupate” fanno nelle loro comunità. Un reddito di base potrebbe premiare questo lavoro e rafforzare le strutture sociali.

“Ho incontrato molte persone che usufruiscono dell’assistenza sociale e che danno molto alla comunità e ho spesso pensato ‘perché non ti paghiamo per farlo?'”, Dice Wynne. “Immagino un mondo in cui aiutiamo le persone a fare il lavoro che possono e vogliono fare. Per lavoro, intendo il coinvolgimento nella società umana. Spero che questo progetto del reddito di base ci dia delle indicazioni su come farlo funzionare meglio. ”

Parlando con alcuni dei beneficiari del reddito di base in Ontario, il programma sembra avere l’effetto desiderato. E non solo perché ora hanno più soldi di quelli che erano soliti avere. Le persone iscritte al programma devono anche dedicare meno tempo ed energie tra gli uffici del sistema di assistenza sociale.

Dave Cherkewski, un altro residente a Hamilton dichiara: “il reddito di base mi permette di avere più tempo a disposizione per le attività che svolgo per la comunità” senza dover continuare dimostrare di avere bisogno di un sussidio perchè disabile. Cherkewski ha lavorato per 12 anni in un’azienda di telecomunicazioni  prima di perdere il proprio posto di lavoro nel 2002. Da allora ha vissuto con i sussidi destinati ai disabili visti alcuni problemi di salute mentale in famiglia. Ora riceve un reddito di base di 750 dollari canadesi al mese che sommati ai sussidi per la disabilità raggiunge circa 23.000 dollari all’anno. Con i soldi in più, Cherkewski si è iscritto ad un corso di psicologia e spera di creare un’attività di mentoring personale. Dice che vuole aiutare gli altri a trovare lavoro.

Cherkewski e Baltzer dicono che iscriversi alla sperimentazione del reddito di base è stato molto semplice. Baltzer ha ricevuto una lezione introduttiva sul reddito di base, compilato un sondaggio  (che ha richiesto circa 45 minuti), ed ha fornito i suoi dati bancari e firmato un paio di moduli di consenso. “È liberatorio”, dice Baltzer. “È come se fossi un normale cittadino senza dover segnalare ogni volta le mie difficoltà e la mia condizione agli assistenti sociali. Il reddito di base è molto più dignitoso dell’assistenza sociale “.

Il progetto pilota è stato finanziato con 50 milioni di dollari, e le iscrizioni per partecipare alla sperimentazione terminano a maggio 2018 ed avrà una durata di tre anni. I ricercatori hanno in programma di monitorare ogni partecipante e misurare l’impatto del reddito di base sulla loro vita. Verranno analizzati anche gli effetti che un reddito di base produce a livello di comunità, confrontando le tre aree urbane coinvolte. “Mette la tua vita su una diversa traiettoria e aumenta la tua capacità di lavorare? Migliora la tua salute e diminuisce l’uso dei servizi sanitari? Migliora la tua salute mentale? Analizzeremo tutte queste cose tramite dei sondaggi”, afferma  Kwame McKenzie , che guida il gruppo di ricerca e valutazione per il progetto.

Un’altra domanda chiave è quanto costoso è il programma da amministrare. “Una delle sfide sarà quella di valutare come siamo riusciti a risparmiare denaro con il reddito di base”, dice il premier dell’Ontario Wynne. “La battaglia contro il fumo oltre a salvare le persone ha fatto risparmiare miliardi di dollari alla sanità. Dovremmo osservare dunque come il reddito di base ci farà risparmiare denaro sull’assistenza sociale e sanitaria”.

Wynne è senza dubbio il leader politico più progressista del Nord America. Oltre al progetto pilota del reddito di base, ha anche alzato il salario minimo in Ontario da 11,60 dollari a 14 dollari e nel 2019 sarà portato a 15 dollari canadesi. Ha realizzato un programma per l’istruzione universitaria gratuita per 210.000 studenti ed un programma per il sostegno alla salute per le persone sotto i 25 anni. Allo stesso tempo, nel tentativo di rendere l’alloggio più accessibile, ha introdotto una tassa sugli immobili dei non residenti e altre misure.

Lascia un commento