L’ONU propone un reddito di base per le donne nei paesi poveri


La pandemia ha danneggiato in modo sproporzionato le donne. Non solo è aumentata la violenza di genere. Le donne sono anche quelle che pagano di più la crisi economica, con la maggiore perdita di occupazione e reddito.
«Non è retorica questa, ci sono le prove», dice Raquel Lagunas, capo della divisione di genere del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP). Per questo motivo, l’agenzia propone che i paesi in via di sviluppo stabiliscano un reddito di base temporaneo, di sei mesi, specificatamente per la popolazione femminile vulnerabile. Con lo 0,07% del loro PIL, i paesi  possono aiutare 613 milioni di donne in età lavorativa che vivono al di sotto della soglia di povertà, con lo 0,18% che sostiene più di 1,3 miliardi. Con lo 0,3%, a tutti i cittadini del sud del mondo: 2.000 milioni.

«Anche prima del covid-19 c’erano le disuguaglianze e il nuovo coronavirus le ha esacerbate», sottolinea l’esperta. Ad esempio, questo 2021 inizia con 118 donne di età compresa tra 25 e 34 anni che vivono in estrema povertà per ogni 100 uomini della stessa età. E le aggressioni sessiste «sono esplose». In Argentina, sottolinea l’esperto, i reclami al numero verde delle vittime sono aumentati del 30%. E dalla miseria e dalle relazioni di dipendenza si fugge con i soldi.
«Avere un reddito di base è essenziale», osserva Lagunas.

Per Lagunas, il suggerimento UNDP è fattibile. «Si tratta di un investimento fattibile nell’ambito delle misure di riattivazione economica», dice in videochiamata da New York. Ma è importante che sia un reddito per le persone, con una particolare attenzione alle donne. Ci sono già aiuti alle famiglie, ma queste, avverte, sono cieche al genere e, quindi, ai problemi particolari della popolazione femminile. Secondo i dati riflessi nello studio dell’agenzia, in alcuni paesi dell’America Latina, l’occupazione femminile è diminuita del 13% in più nel secondo trimestre del 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019. Questo effetto della pandemia è stato tra il 10 e il 70% in più rispetto al corrispondente calo tra i lavoratori maschi.

«I lavori con la maggioranza delle donne sono i più colpiti. Lo vediamo nel turismo, da chi vende noci di cocco o mango ai viaggiatori che scendono da una nave da crociera a coloro che puliscono le camere d’albergo», afferma la specialista UNDP. «Un reddito di base temporaneo li aiuterebbe a sopravvivere alla crisi e ad assumere il controllo della propria vita». Lungi dal diventare un disincentivo al lavoro, l’aiuto servirebbe a rilanciare le piccole imprese e a riprendere l’istruzione dei bambini. «È dimostrato che le donne dedicano gli aiuti ricevuti ai loro figli, alla loro istruzione, salute e alle loro iniziative», afferma Lagunas.

Investire in questioni sociali, continua, significherà una ripresa più rapida.

Fonte: El Pais

Tags:, ,

Lascia un commento