India: verso il più grande esperimento di reddito di base al mondo?


Il piccolo stato indiano del Sikkim sta per lanciare un esperimento di reddito di base a ciascuno dei suoi 610.000 cittadini – un progetto che il  Washington Post  chiama come il più grande esperimento di reddito di base della storia.

“Nei paesi sviluppati, lo scopo principale è quello di ristrutturare o economizzare i sistemi di welfare esistenti, come i sussidi di disoccupazione”, ha detto l’esperto di economia dell’Università di Berkeley, Pranab Bardhan. “Nei paesi a reddito medio-basso, come l’India, la logica sarà quella di affrontare la minima insicurezza economica di una parte più ampia della popolazione, non solo i più poveri, senza toccare le attuali misure anti-povertà”.

È importante dire che al momento i dettagli sull’imminente esperimento nel Sikkim rimangono ancora poco chiari, infatti non è ancora stato definite come e se ogni residente riceverà un reddito di base (dunque un reddito universale) o se in prima battuta saranno coinvolti solo coloro che sono al di sotto della soglia di povertà. Tuttavia i promotori stanno lavorando affinchè la sperimentazione prenda il via nel 2022.

“Alla fine è una questione di volontà politica”, ha detto Rai, deputato del Sikkim. “Con l’aumento della disuguaglianza globale, vogliamo assicurarci di poter colmare il divario di queste diseguaglianze”.

leggi anche Il piccolo stato indiano propone il più grande esperimento del mondo con reddito garantito

Fonte Futurism

Lascia un commento