India: il governo discute di reddito garantito


“Il governo indiano dovrebbe approvare un reddito di base incondizionato”, questo è quello che sostiene l’ Economic Chief Advisor del governo indiano. La più grande democrazia del mondo ha prodotto un rapporto di studio che sarà pubblicato nel mese di gennaio affermando che un reddito di base è “fondamentalmente la via da seguire” come sostiene anche il professor Guy Standing, che ha lavorato sui progetti pilota di reddito di base già sperimentati in alcuni villaggi indiani negli scorsi anni. Tuttavia, lo stesso professor Standing dice che al momento il reddito di base non può avere un carattere universale. L’India, che ha una popolazione stimata di 1,3 miliardi di persone, ha un’economia in crescita ma il 29,5 per cento della popolazione vive in condizioni di povertà, secondo un rapporto del governo 2014 – in particolare nelle zone rurali. Il Prof Standing su Business Insider ha riportato i risultati delle sperimentazioni realizzate in India dove si sono verificati “notevoli e positivi” risultati sulle comunità coinvolte, permettendo alle persone di avere un diverso controllo del loro denaro, una immediata riduzione del debito personale ed in particolare risultati notevoli in merito all’emancipazione delle donne. “Come conseguenza di queste sperimentazioni,” ha detto il prof Standing, “Il governo indiano sta realizzando un importante rapporto per il 2017 in cui si sostiene in sostanza che il reddito di base è fondamentalmente la via da seguire.” Il rapporto del governo infatti sostiene che un reddito di base sia necessario e “fattibile”, ma il professor Standing ha aggiunto: “Non mi aspetto che si parta sin da subito con l’introduzione su larga scala e verso un reddito destinato a tutti perché sarebbe una conversione che potrebbe essere destrutturante.” L’ Economic Chief Advisor del governo indiano, Arvind Subramanian, ha confermato che l’indagine economica del governo discuterà della proposta di un reddito garantito. Subramanian è un forte sostenitore di questa proposta e come riportato dal Indian Express: “Il governo spende un sacco di soldi per programmi per aiutare i poveri … Non è chiaro se il denaro raggiunge effettivamente i poveri. Quindi la domanda è se un reddito di base incondizionato ed universale possa essere un modo più efficace per raggiungere i poveri che i regimi attuali che il governo impiega “.

Tratto da The Indipendent 4 gennaio 2017

Lascia un commento