Il sindaco di Manchester: il reddito universale di base dovrebbe essere «preso in seria considerazione»


Il reddito universale di base dovrebbe essere «considerato seriamente» – secondo Andy Burnham – come un modo per aiutare l’economia a risollevarsi una volta che il blocco causato all’epidemia del coronavirus sarà revocato. Il sindaco di Manchester ha affermato che è sbagliato ed ingiusto che le persone con lavori più pagati possano lavorare da casa mentre i lavoratori essenziali nell’emergenza continuino a lavorare con «contratti non sicuri» e in una situazione di rischio sanitario.
Questo discorso comprende i lavoratori del settore dell’assistenza sociale nel quale più della metà del personale in prima linea – principalmente donne – non riceve un salario soddisfacente. Un altro periodo di austerità sarebbe «devastante» – secondo Burnham – che ha anche chiesto modifiche alla giornata lavorativa (vista la quantità di persone che lavorano da casa).
Centinaia di professori e accademici hanno già invitato il governo a introdurre l’UBI durante la crisi COVID-19 erogando a tutti £ 1.000 al mese. I risultati finali della sperimentazione UBI condotta in Finlandia hanno svelato che le persone, con un reddito di base, erano più soddisfatte della propria vita. Parlando alla sua conferenza stampa settimanale sul coronavirus, Burnham ha dichiarato: «Il reddito di base universale è un’idea che deve essere presa in seria considerazione».
«Il cinquantotto per cento degli operatori sanitari non riceve un salario soddisfacente, il che non può essere giusto. Se sei in un ruolo essenziale come quello, devi essere pagato abbastanza per poter gestire le cose a casa ed essere lì ogni giorno per supportare le persone che hanno bisogno delle tue cure».
«Non posso essere l’unica persona a sentire che è sbagliato che le persone con posizioni più privilegiate economicamente siano in videoconferenza a casa quando le persone meno pagate nella società – spesso con contratti molto insicuri – sono là fuori a far funzionare le cose».

Fonte: Manchester Evening News

Lascia un commento