Il Movimento Cinque Stelle propone l’estensione del «reddito di cittadinanza»

reddito di cittadinanza per tutti
Roberto Ciccarelli

Reazioni a catena. Primo risultato della campagna per il “reddito di quarantena” e l’estensione in senso universalistico e incondizionato del “reddito di cittadinanza”. La proposta di Vito Crimi. Analoghe aperture arrivano dal ministro del Sud Giuseppe Provenzano (Pd). I sindaci siciliani e pugliesi hanno chiesto al governo la stessa misura. A Palermo alcune persone hanno chiesto di non pagare la spesa in un ipermercato perché senza reddito. Sandro Gobetti (Bin Italia): “Ora bisogna aumentare la platea, aumentare i criteri Isee, ridurre ed eliminare obblighi e condizioni”. Luca Dall’Agnol (Adl Cobas): “Garantire anche l’accesso gratuito ai servizi per chi è sotto la soglia di povertà”

«Se, a causa di questa crisi improvvisa, ci sarà l’esigenza di allargare le maglie dei requisiti, daremo una mano ad altri milioni di italiani» hanno dichiarato i portavoce dei Cinque Stelle alla Commissione Bilancio alla Camera.

Analoga apertura si è registrata oggi dal Pd. «Bisogna agire subito, è a rischio la tenuta democratica. Il reddito di cittadinanza va esteso» ha detto il ministro per il sud e la coesione territoriale, Giuseppe Provenzano – Volevamo migliorarlo già prima del coronavirus, adesso diventa indispensabile. Rivedendo i vincoli patrimoniali, chi ha una casa familiare o dei risparmi in banca che non vuole intaccare oggi non può accedervi. Rafforzando il sostegno alle famiglie numerose. Rendendolo compatibile con il lavoro, per integrare il reddito se necessario».

Con il passare dei giorni, man mano che il «lockdown» dell’intero paese si fa più stretto prolungato, la tensione sta crescendo anche tra chi non rientra nel pur ampio ventaglio dei soggetti a cui è rivolta la cassa integrazione o il bonus dei 600 euro alle partite Iva (sarà ampliato nel decreto di aprile). A Palermo, giovedì, in un ipermercato Lidl, alcune persone hanno cercato di non pagare la spesa sostenendo di non avere denaro. Secondo la Cgil un posto di lavoro su tre nell’agricoltura, nell’edilizia e nel settore terziario a Palermo è sommerso, irregolare, in nero o precario. Queste persone, e non solo al Sud, sono travolte dalla crisi del coronavirus.

L’estensione del «reddito» è stata chiesta ieri dai sindaci siciliani (Anci), ma solo con uno stanziamento di risorse temporanee e di emergenza. Per l’Anci Puglia «è indispensabile introdurre con urgenza una o più misure generali che sostengano i soggetti esclusi e prevedere per i prossimi mesi lo stanziamento di risorse aggiuntive in favore dei comuni».

Nella direzione di una rimodulazione del reddito vanno anche i ragionamenti del Forum Disuguaglianze Diversità.

«È necessario ampliare la platea del reddito di cittadinanza aumentando i criteri Isee, ridurre ed eliminare obblighi e condizioni – sostiene Sandro Gobetti del Basic Income Network che ha lanciato una petizione sottoscritta da migliaia di persone – Bisogna andare verso un reddito di base per assicurare ora e per sempre una sicurezza minima a milioni di persone». Nella stessa prospettiva si muove la campagna sul «reddito di quarantena» a cui hanno aderito centinaia di associazioni, tra cui la Rete dei Numeri Pari. «I Cinque Stelle hanno la golden share del governo. Se vogliono estendere il reddito ora, lo facciano in maniera universale e basandolo sugli individui, non più sulle famiglie. E si dovrebbe ragionare sull’accesso gratuito ai servizi per chi è sotto la soglia di povertà» sostiene Luca Dall’Agnol (Adl Cobas)

Tratto da Il Manifesto

Lascia un commento