Il 65% degli europei vuole che i governi istituiscano un reddito di base universale


Un nuovo sondaggio di WeMove e YouGov mostra che circa due terzi degli europei vogliono che i governi mettano in atto un reddito di base universale in cui ogni persona nell’UE riceve un pagamento in contanti diretto ogni mese. Questa misura è supportata dal 65% delle persone, ma se agli intervistati viene chiesto di pensare all’attuale pandemia prima di rispondere alla domanda, il risultato sale al 68%.
Vedi la tabella

Il sondaggio è stato condotto in modo indipendente da YouGov in 6 paesi europei – Francia, Germania, Italia, Polonia, Portogallo e Spagna – dove le persone hanno espresso un forte sostegno per un reddito di base universale e vorrebbero che i loro governi avessero avviato un progetto pilota. Il sondaggio ha rilevato che  due terzi (65%) o più degli intervistati nei sei paesi erano a favore dei piloti di un sistema di reddito di base, con un sostegno che va dal 52% in Francia all’83% in Portogallo.

Le donne sono state generalmente più favorevoli, in particolare in Germania, Francia, Italia e Spagna.
Vedi la tabella

Nel sondaggio, agli intervistati è stato chiesto quali sarebbero i vantaggi di un reddito di base universale europeo se introdotto. I principali vantaggi indicati sono stati: riduzione dell’ansia (42%), capacità di pagare per i bisogni di base (33%) e maggiore indipendenza finanziaria e personale (29%), ma i risultati variano da paese a paese e tra le fasce d’età. Solo il 15% delle persone, in media,  ha affermato che un reddito di base universale non avrebbe alcun vantaggio per loro, il 6% in Italia al 22% in Francia.
Vedi la tabella

Nei documenti seguenti puoi leggere i risultati del sondaggio per ogni paese e i risultati complessivi.

Germania: le  persone che sostengono il reddito di base universale sono il 59% e il 60% se si considera l’impatto economico della pandemia. Per i tedeschi, i vantaggi di un reddito di base universale includono non solo il pagamento dei bisogni di base (26%), ma una riduzione dell’ansia per il futuro (40%) e la possibilità di concentrarsi su cose di valore che con il nostro sistema attuale non pagano le bollette – come prendersi cura degli altri (19%), volontariato (18%) o formazione (15%).

Spagna: le  persone che sostengono il reddito di base universale sono il 68% e il 72% se si considera l’impatto economico della pandemia. Per gli spagnoli, i vantaggi di un reddito di base universale includono non solo la sicurezza finanziaria (44%) ma una riduzione dell’ansia per il futuro (40%) e la possibilità di concentrarsi su cose di valore che con il nostro sistema attuale non pagano le bollette – come prendersi cura degli altri (19%), volontariato (11%) o formazione (22%).

Italia: le  persone che sostengono un reddito di base universale sono il 64% e il 74% se si considera l’impatto economico dell’economia della pandemia. Per gli italiani, i benefici di un reddito di base universale includono non solo il pagamento dei bisogni di base (30%) ma una riduzione dell’ansia per il futuro (42%) e la possibilità di concentrarsi su cose di valore che con il nostro sistema attuale non pagano bollette – come prendersi cura degli altri (19%), volontariato (12%) o formazione (19%).

Francia: le  persone che sostengono il  reddito di base universale sono il 52% e il 54% se si considera l’impatto economico della pandemia. Per i francesi, i benefici di un UBI includono non solo il pagamento dei bisogni di base (28%), ma una riduzione dell’ansia per il futuro (26%) e la possibilità di pagare per attività ricreative che attualmente non possono permettersi (28 %).

Polonia: le  persone che sostengono l’UBI sono il 73% e il 69% se si considera l’impatto economico della pandemia. Per i polacchi, i vantaggi di un UBI includono non solo il pagamento per i bisogni di base (33%) ma una riduzione dell’ansia per il futuro (56%) e la possibilità di concentrarsi su cose di valore che con il nostro sistema attuale non pagano le bollette – come prendersi cura degli altri (25%), volontariato (14%) o formazione (22%).

Metodologia: Questo sondaggio è stato condotto utilizzando un’intervista online somministrata ai membri del panel YouGov Plc UK di oltre 800.000 persone che hanno accettato di partecipare ai sondaggi. Le e-mail vengono inviate ai membri del panel selezionati a caso dal campione di base. L’e-mail li invita a partecipare a un sondaggio e fornisce un collegamento generico al sondaggio. Una volta che un membro del panel fa clic sul collegamento, viene inviato al sondaggio per il quale è maggiormente richiesto, in base alla definizione del campione e alle quote. (La definizione del campione potrebbe essere “popolazione adulta GB” o un sottoinsieme come “femmine adulte GB”). Gli inviti ai sondaggi non scadono e gli intervistati possono essere inviati a qualsiasi sondaggio disponibile. Il campione che risponde viene ponderato in base al profilo della definizione del campione per fornire un campione rappresentativo di riferimento. Il profilo è normalmente derivato dai dati del censimento o,

Le dimensioni del campione sono state: 2150 per la Germania, 1052 per tutti gli altri paesi. Per ulteriori informazioni, vedere le sezioni “Background” nei documenti seguenti.

Risultati per l’Italia

Risultati per il Portogallo

Risultati per la Germania

Risultati per la Spagna

Risultati per la Polonia

Risultati per la Francia

Risultati complessivi

____________________________

Per vedere l’articolo originale, visita: https://www.wemove.eu/it/results-yougov-poll-about-ubi

Fonte: Basic Income Today

Lascia un commento