Hannah Black e Philippe van Parijs discutono di reddito di base universale


Hannah Black e Philippe van Parijs discutono di reddito di base universale.

La pandemia ci ha spinto a chiederci come, in mezzo a un rapido declino dell’occupazione e alla massiccia distruzione della ricchezza del pianeta, possiamo mantenere o addirittura espandere standard di vita ragionevoli. Alcuni hanno sostenuto un reddito di base universale (UBI), un pagamento sistematico e non condizionato a tutti, un’idea politica un tempo marginale recentemente avvicinata al mainstream dalla campagna presidenziale statunitense di Andrew Yang. Nel presente in rapida trasformazione, i piani del governo di inviare «elicotteri economici» mensili per aiutare i cittadini durante la pandemia hanno reso più realistiche le prospettive di un UBI permanente.

Ma l’UBI non è necessariamente una misura progressista, e ciò è dimostrato dalla sua popolarità tra i libertari di destra, che si mobilitano per la sua presunta promessa di libertà basata sul mercato. Per questo motivo, molti a sinistra temono che alcuni sostenitori dell’UBI lo useranno per camuffare una riduzione netta del benessere e di altri benefici sociali, o che un nuovo afflusso di denaro dei consumatori porterebbe semplicemente ad aumenti del costo della vita quotidiana.

Come possiamo garantire che l’UBI non sia usato come arma contro i poveri? Inoltre, come possiamo assicurarci di non tornare mai più alle circostanze che hanno prodotto le conseguenze di questa pandemia? L’UBI potrebbe essere parte di una transizione «verso» — se non proprio «verso» l’abolizione della nostra dipendenza dal salario e dal mercato per la sopravvivenza — allora «verso» un processo che darà alle persone spazio e tempo per immaginare la sua trasformazione — lontano dallo sfruttamento e, ancora,  «verso» un tregua globale tra le comunità, gli animali e i virus che condividono questo mondo?

Per esplorare le promesse e le insidie ​​dell’UBI, ho parlato con uno dei principali sostenitori dell’idea, il filosofo Philippe van Parijs, un professore all’Università di Lovanio in Belgio (e, anche, mio ​​zio). Van Parijs è uno dei fondatori della rete per il reddito di base e autore di numerosi libri, tra cui Real Freedom for All(1995). Il surfista che cavalca un’onda sulla copertina è un riferimento al suo articolo del 1991 «Perché i surfisti dovrebbero essere nutriti: per un reddito di base universale» (la stessa onda perfetta adornava anche un francobollo belga ufficiale emesso nel 2007 per celebrare il suo lavoro ), tuttavia, come spiega Van Parijs altrove, «Non si tratta di prendersi cura dei surfisti Malibu – per vivere a Malibu è necessario qualcosa di più di un modesto reddito di base universale – ma di creare un mezzo di emancipazione, di conferire la posizione più forte possibile ai membri più deboli e vulnerabili delle nostre società».

Leggi l’intervista qui (in inglese)

Fonte: Artforum

Lascia un commento