Gran Bretagna: I Labour sostengono il rapporto sul reddito di base


Il reddito di base universale, uno schema di pagamenti in contanti regolari a tutti i cittadini adulti, sta ricevendo un notevole sostegno negli ultimi anni perché potrebbe compensare i bassi salari e ridurre le disparità economiche. Uno studio di fattibilità commissionato dal cancelliere ombra del Partito Laburista, John McDonnell, afferma che uno schema pilota, una sperimentazione, potrebbe essere introdotto nel Regno Unito. Sebbene il rapporto non sia la proposta politica del Labur Party  , la sua pubblicazione è vista tuttavia come un avvicinamento ed un interesse del partito alla sperimentazione di un reddito di base o una forma di reddito garantito qualora andasse al governo.

Accogliendo con favore il lancio del rapporto, McDonnell ha affermato che lo studio curato dal professor Guy Standing, membro del Progressive Economy Forum – un gruppo di economisti di sinistra – è stato un “importante contributo al dibattito su disuguaglianza, austerità, povertà e come instauriamo un sistema economico equo e giusto . Qualunque meccanismo utilizziamo, sia che si tratti di un” reddito di base “o di un altro modello simile, dobbiamo pensare all’introduzione di un meccanismo radicale volto a sradicare la povertà”, ha aggiunto.

Il rapporto, “Reddito di base come dividendo comune: sperimentare una politica trasformativa” propone una tabella di marcia per l’introduzione di sperimentazioni pilota in Gran Bretagna, come avvenuto in molti altri paesi del mondo. Il governo scozzese ad esempio ha lavorato con il think-tank della RSA per studiare come  realizzare un progetto sperimentale in Scozia. Anthony Painter, della RSA, ha affermato che lo studio  “mostrerà come la Scozia possa procedere con i suoi progetti pilota dimezzerebbe la povertà”.

Alcuni economisti sostengono che il reddito di base aiuterebbe le persone e le loro potenzialità, consentendo loro di investire nelle loro capacità o di avviare nuove imprese ed attività, ed allo stesso tempo evita di rimanere intrappolati in un lavoro a basso reddito. Standing, ha suggerito che i costi potrebbero essere coperti adattando o abolendo il sistema di agevolazioni fiscali personali – in modo simile ai risultati di uno studio della New Economics Foundation pensato all’inizio di quest’anno. Ha anche suggerito una serie di possibili scenari per realizzare delle sperimentazioni pilota, tra cui fornire a una comunità economicamente svantaggiata un reddito settimanale di base anziché i benefici esistenti di assistenza sociale, ad eccezione dei benefici abitativi. I progetti sperimentali includerebbero pagamenti su base settimanale o mensile a ogni persona legalmente residente nel Regno Unito su base individuale, pagati senza condizioni su come vengono spesi i soldi. Il rapporto afferma che il reddito di base: “Potrebbe ridurre drasticamente la povertà, l’insicurezza e l’uso delle banche alimentari risparmiando sulla burocrazia dell’attuale amministrazione del welfare sociale”.

Fonte The Guardian

Lascia un commento