Germania: a Berlino già 53mila firme per il referendum sul reddito di base.


I promotori del referendum sul reddito di base nella città di Berlino, in Germania, hanno raccolto 53.000 firme dopo solo due mesi dall’inizio della loro campagna. Laura Brämswig, fondatrice di “Expedition Basic Income” , ha dichiarato al Tagesspiegel: “Abbiamo raddoppiato il numero delle firme raccolte nel mese di giugno”. Attualmente sono coinvolti circa 500 volontari. “Molti di loro si prefiggono obiettivi sempre più elevati e non solo raccolgono le firme da amici o al lavoro, ma anche in tutta la città”.

L’iniziativa popolare dovrà raccogliere circa 175mila firme entro il 5 settembre 2022, l’obiettivo che si è prefissata è di arrivare ad almeno 220mila, se l’obiettivo sarà raggiunto, qualche mese dopo, nella città di Berlino sarà possibile indire il referendum propositivo per introdurre un reddito di base nella città, o meglio, avviare una prima sperimentazione per dimostrare come funziona il reddito di base. Infatti, l’obiettivo dei promotori, è che almeno 1000 persone ricevano un reddito di base incondizionato per circa tre anni come parte di un progetto pilota utile poi ad essere ampliato. Questo progetto servirà dunque a supportare scientificamente il funzionamento ed i benefici di un reddito di base.

L’iniziativa nata dal basso e da diverse reti e associazioni, è sostenuta, tra gli altri, da Marcel Fratzscher, Presidente dell’Istituto di economia tedesca (DIW). Fratzscher afferma: “Il progetto pilota fornirebbe alla scienza e alla politica informazioni innovative su come la trasformazione dei sistemi sociali in Germania può avere successo in futuro”.

Per arrivare ad avere successo, l’iniziativa ora vuole raccogliere le firme anche in occasione di grandi eventi, come la techno parade “Rave the Planet”.

Fonte: Tagesspiel

Lascia un commento