Galles: associazioni scrivono al premier per ampliare il progetto del reddito di base


Un gruppo di organizzazioni e attivisti ha scritto al Primo Ministro chiedendo che il progetto pilota di un reddito di base incondizionato venga ampliato.

All’inizio del 2021, il governo gallese ha dichiarato di voler introdurre un primo progetto pilota per sperimentare un reddito di base che dovrebbe coinvolgere prima di tutto coloro che sono in assistenza sociale. Tuttavia, i firmatari della lettera aperta tra cui il commissario per le generazioni future Sophie Howe di Future Generations, l’UBI Lab Cymru e Chwarae Teg, che affermano di essere preoccupati che “limitare il progetto pilota a un particolare gruppo di beneficiari non fornirà le prove necessarie per comprendere gli impatti di un reddito di base”.

Sophie Howe ha affermato che “è tempo di accettare che l’attuale sistema di sussidi non funziona più e senza una rete di sicurezza più forte, le generazioni a venire saranno lasciate sole e senza alcun sostegno. Un reddito di base incondizionato potrebbe proteggere non solo coloro che sono stati duramente colpiti dal Covid, ma ogni persona da altri shock in arrivo, come l’emergenza climatica che causerà ulteriori devastazioni. Mantenere le persone in salute significa fare cose nuove per affrontare la povertà e il governo gallese deve cogliere questa opportunità ora per utilizzare il Well-being of Future Generations Act per testare correttamente come un reddito di base può cambiare la vita”. 

La lettera aperta chiede al governo gallese di avviare un progetto pilota di ampio respiro che includa bambini, lavoratori dipendenti, disoccupati e pensionati, nonché care leaver.  Un progetto pilota più ampio potrebbe così raccogliere prove sull’impatto del reddito di base, ad esempio testando l’effetto sul livello di istruzione dei bambini e non solo. Va ricordato che il Galles ha il più alto tasso di povertà infantile nel Regno Unito. Un portavoce del governo ha dichiarato: “abbiamo seguito da vicino i progressi dei progetti pilota in tutto il mondo con interesse e crediamo che ci sia l’opportunità di testare una versione in Galles. Comprendiamo l’entusiasmo e l’interesse intorno a questa proposta, tuttavia è importante che la facciamo bene: c’è ancora molto lavoro da fare, ma siamo interessati a sviluppare una versione, che potenzialmente coinvolga prima le persone che lasciano l’assistenza sociale. Ascolteremo le principali parti interessate mentre costruiamo il modello e stiamo già lavorando a fianco dell’ufficio di Future Generations”.

Fonte ITV Wales

Lascia un commento