Firma online per un Reddito Garantito in EU


Reddito garantito: parte la petizione online. Comunicato stampa del 30 aprile 2009. Il Bin-Italia promuove, assieme alle associazioni Progetto Diritti, Antigone, Cilap-Eapn, Giuristi Democratici, Udu-Napoli, BioS Milano, Lunaria, Magistratura Democratica, Sbilanciamoci, un appello per l’introduzione di un reddito garantito in Europa in vista delle prossime elezioni europee. L’iniziativa si apre oggi, giovedì 30 aprile attivando la campagna per la raccolta di firme.

L’obiettivo è sollecitare ai candidati e alle candidate al Parlamento europeo -e in prospettiva da coloro che saranno eletti- un impegno concreto a promuovere un reddito garantito per i cittadini residenti nel continente europeo, e ad attivarsi perché, in particolare, anche l’Italia si avvicini a quegli Stati europei che si sono dotati di misure di sostegno del reddito per coloro che non sono in possesso di risorse adeguate a condurre una vita dignitosa.

E’ tempo che la società civile si mobiliti per promuovere soluzioni innovative, che a partire dalla crisi economica internazionale (e oltre alla crisi) sappiano rilanciare un nuovo modello sociale europeo. Il pieno riconoscimento di un “diritto ad esistere” e a condurre una vita dignitosa rappresenta in tal senso un sicuro pilastro per la costruzione di una compiuta cittadinanza sociale europea.

APPELLO
Per un reddito garantito in Europa


Premesso che:

  • la crisi economica internazionale si va approfondendo e mina sempre più le condizioni di lavoro e di reddito dei cittadini in tutti gli Stati: ogni tentativo di stimare le conseguenze della crisi viene rivisto continuamente al ribasso e la disoccupazione nel vecchio continente potrebbe raggiungere una media del 10%, con milioni di nuovi soggetti espulsi dal processo produttivo;
  • fulcro delle protezioni welfaristiche – come dimostrano le impostazioni degli Stati del Nord Europa e secondo quanto indicato in molti documenti dell’Unione Europea – si rivela, ora come non mai, la tutela del reddito inteso come garanzia di una vita dignitosa;
  • la costruzione di una piena e compiuta cittadinanza sociale europea passa necessariamente per la garanzia effettiva del “diritto ad esistere” in favore di tutti i componenti di una medesima comunità;
  • è oggi in gioco la tenuta del modello sociale europeo e per difenderne la ratio e l’ispirazione, e consentirgli un ulteriore avanzamento, è necessaria una precisa assunzione di responsabilità da parte di tutti gli organi dell’Unione Europea;
  • a partire dalla crisi, ed oltre la crisi, è più che mai necessario dare un segno concreto di coesione e solidarietà paneuropea fornendo risorse sufficienti, di cui solo l’Unione nel suo complesso può disporre, per sostenere un reddito garantito per i cittadini residenti, esigibile nei confronti di tutti i paesi aderenti, come indicato dal Parlamento Europeo nella Risoluzione dell’Ottobre del 2008;


Facciamo appello ai candidati e alle candidate delle elezioni europee 2009

  • ed a coloro che saranno eletti al Parlamento europeo – affinché si impegnino a promuovere un reddito garantito per i cittadini residenti nel continente europeo e ad attivarsi perché, in particolare, l’Italia si avvicini agli Stati europei che si sono dotati di misure di sostegno del reddito per tutti i cittadini non in possesso di risorse adeguate a condurre una vita dignitosa. Chiediamo dunque una pubblica presa di posizione in merito a questo impegno da parte dei candidati alle elezioni europee 2009, ed una maggiore interlocuzione con la società civile, scientifica ed accademica per giungere, già a partire dal 2010, anno di lotta alla povertà in Europa, ad istituire una misura universale di reddito garantito europeo
    .

Primi firmatari:

Bin – Italia
Progetto Diritti
Associazione Antigone
Cilap – Eapn – Sezione italiana
Associazione Nazionale Giuristi Democratici
Unione degli Universitari Napoli
Associazione BioS – Milano
Associazione Lunaria
Magistratura Democratica
Sbilanciamoci

Carta