Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Fallimenti delle imprese ed emergenza economica.

di Vincenzo Gallo

Contributo all’appello per la presa di parola sul reddito garantito.

 

Il Corriere della Sera.it del 6 febbraio ha pubblicato la triste storia di un artigiano veneto di 44 anni, che dopo essere stato costretto a chiudere l’azienda per la crisi,  non trova lavoro nemmeno come operaio.  Tenta il suicidio  impiccandosi, ma la moglie lo salva in extremis e gli racconta di aver trovato lavoro come badante. Inizia invece a prostituirsi, ma viene arrestata in una retata.

Il caso dell’artigiano veneto è solo la punta di un iceberg.

Tra il 2009 e 2011 sono fallite in Italia circa 33 mila imprese, in cui lavoravano più di 300 mila persone, in base a stime di Cerved Group. Nel 2011 i fallimenti risultano più di 12 mila, con un aumento del 7,4% rispetto al 2010. Quasi la metà sono  imprese del terziario, il 23% aziende  dell’edilizia, il 21% società manifatturiere.

Secondo Cerved Group dal punto di vista geografico, quasi un terzo dei 33 mila fallimenti ha riguardato aziende del Nord Ovest, un quarto imprese meridionali, il 22% aziende del Centro Italia e il restante 21% del Nord Est.

Su 10.000 imprese operative il maggiore numero di fallimenti nel 2011 è stato registrato nelle province di Milano, Prato e Lodi.

In relazione all’andamento dei fallimenti nelle regioni italiane nel 2011 rispetto al 2010,  il valore più elevato è stato registrato nel Molise (+39,5%), in Campania (+29,6%), nel Lazio (+23,4%). Seguono la  Valle d’Aosta (11,1%), la Lombardia (+9,8%), la Puglia e la Calabria (+9,7%).

D’altra parte secondo l’Istat nel dicembre 2011 i disoccupati sono aumentati  di 221 mila unità rispetto al dicembre 2010 (+10,9%), con un aumento di 20.000 unità rispetto al mese precedente.

In questo contesto nel Paese c’è necessità di una mobilitazione straordinaria ad ogni livello per rilanciare lo sviluppo e l’occupazione, sostenere l’innovazione e stimolare/attrarre investimenti locali ed esterni.

Dovrebbe però crescere anche l’attenzione, il rispetto e la solidarietà per le persone in stato di disagio estremo. C’è necessità di fronteggiare questa grande emergenza sociale con misure eccezionali e urgenti, aumentando e non riducendo la protezione sociale e  preoccupandosi di ridurre anche lo spread dei diritti. L’Italia, insieme alla Grecia e all’Ungheria, risulta uno dei pochi paesi europei a non prevedere un reddito minimo garantito per tutti e ciò non è certo degno di un paese civile.

Altri articoli

SEGUICI