Canada: il ruolo del reddito di base durante una pandemia


“Un programma di reddito di base avrebbe potuto salvare vite umane e ridurre la trasmissione di COVID-19 quando la pandemia ha colpito la scorsa primavera”, afferma Evelyn Forget, professore presso l’Università di Manitoba, tra i maggiori esperti canadesi del reddito di base. “In quanto politica sia sanitaria che di riduzione della povertà, potrebbe ancora aiutare le persone a superare la seconda ondata e quelle a venire”, ha affermato nuovamente Forget. “Quando il governo ha deciso di chiudere tutto in risposta all’emergenza di sanità pubblica a marzo”, ha detto ancora Forget, “hanno capito immediatamente che, se volevano tenere le persone a casa, i programmi sociali non avrebbero funzionato e che dovevamo inserire aiuti di emergenza”. Una serie di misure di risposta all’emergenza, sia per individui che per le aziende, sono state implementate, con una rapidità che ha dimostrato che “mettere soldi nelle tasche delle persone non è una scienza utopista, ma se avessimo un reddito di base, non avremmo dovuto fare nulla di tutto ciò”, ha osservato.

Evelyn Forget è una economista che studia da decenni il reddito di base e le sue possibilità, compreso il  programma pilota Mincome  a Manitoba negli anni ’70. Alla fine del 2020, ha pubblicato una nuova edizione del suo testo fondamentale,  Basic Income for Canadians . Si è concentrata su ciò che un reddito di base potrebbe significare nell’attuale pandemia e nelle future crisi di salute pubblica. “I riflettori sono stati puntati sulla politica del reddito di base quasi dal primo giorno”, ha detto, “perché quanto attuato a causa dell’emergenza in Canada è stata la cosa più vicina a un reddito di base che sia mai esistita”.

Ma i decreti attuati non hanno raggiunto tutta la platea e ha escluso varie categorie, inclusi liberi professionisti e molte altre professioni. Forget sostiene che, soprattutto “il reddito di base avrebbe potuto stabilizzare le finanze delle persone rimaste senza lavoro a causa del COVID-19 immediatamente. Se avessimo un programma di reddito di base, le persone potrebbero permettersi di rimanere a casa quando cominciano a manifestare i sintomi, il che ridurrebbe il rischio di infezione per l’intera comunità”, ha detto Forget.

L’economista crede che questa sconvolgente esperienza di disoccupazione di massa  potrà favorire una maggiore «empatia» per gli altri e rafforzare il sostegno per un reddito di base. Ma l’empatia, aggiunge, “non è un requisito necessario per realizzare il reddito di base. Questa proposta non richiede tanto l’empatia quanto il riconoscimento che siamo tutti interdipendenti, da ogni punto di vista, anche e soprattutto economico”. Nonostante il rifiuto di un piano di reddito di base lo scorso anno da parte del governo centrale, Forget afferma che ormai “è inevitabile che finiremo con un reddito di base in Canada” prima o poi.

Fonte: Basic Income Today

Tags:

Lascia un commento