Canada: presentato disegno di legge per un Reddito di Base Garantito


Julie Dzerowicz, membro del parlamento di Davenport, ha proposto un disegno di legge alla Camera dei Comuni che consentirebbe una strategia nazionale per un reddito di base garantito in Canada. Questa è la prima volta che alla Camera dei Comuni viene presentato un disegno di legge sul reddito di base garantito.

Se approvato, questo disegno di legge consentirebbe al governo federale di stabilire progetti pilota in una o più province per testare modelli di attuazione di un programma di reddito di base garantito; creare un quadro di standard nazionali per guidare l’attuazione di un programma di reddito di base garantito in qualsiasi provincia e raccogliere dati sull’impatto dei programmi sui destinatari, e sulle comunità beneficiarie.
«Il Canada ha bisogno di un solido sistema di assistenza sociale che soddisfi le esigenze dei lavoratori del ventunesimo secolo, che sia più flessibile e adattabile pur essendo meno complesso e migliore nell’affrontare la disuguaglianza», afferma Dzerowicz.
«È anche importante fornire ai canadesi stabilità con pieno e uguale accesso alle opportunità in modo che possano essere più innovativi. Credo che il reddito di base garantito potrebbe essere lo strumento chiave che aiuta a realizzare tutto questo e questo disegno di legge ci consente di testarlo», aggiunge Dzerowicz.

Il mondo del lavoro è in costante cambiamento con molti che passano alla gig economy con contratti temporanei e a breve termine e con gli altri epocali cambiamenti legati all’automazione e all’avvento dell’intelligenza artificiale. È importante che il sistema di assistenza sociale rifletta meglio le esigenze di tutti i lavoratori di oggi e di domani e che sia molto più flessibile nella gestione dei cambiamenti, delle interruzioni e delle transizioni del lavoro. Il disegno di legge C-273 canadese propone di testare il reddito di base garantito come un modello in grado di offrire maggiore flessibilità per il nuovo mondo dei lavoratori.

Sheila Regehr, presidente, Basic Income Canada Network, afferma: «Questo disegno di legge prende gli elementi costitutivi di una migliore sicurezza del reddito per tutti i canadesi – l’esperienza, le prove, la competenza e il know-how che possediamo – e mette in moto gli ingranaggi per realizzarlo».

BICN è un’organizzazione apartitica che ha lavorato con tutte le parti. Questo disegno di legge, che richiede una strategia nazionale, è in linea con le raccomandazioni del brief di BICN alle consultazioni pre-bilancio 2021.

Floyd Marinescu, Direttore Esecutivo, UBI Works, afferma: «Il reddito di base potrebbe creare 300.000-600.000 posti di lavoro e aggiungere 80 miliardi di dollari all’anno al PIL del Canada, assicurando al contempo di aver abolito la povertà lavorativa. In questo periodo di rapida interruzione del lavoro e declino della mobilità sociale, il reddito di base difende l’uguaglianza di opportunità e sblocca la nostra capacità di assumersi dei rischi: un fattore chiave per migliorare l’innovazione e la produttività del mercato del lavoro del Canada».

Questa proposta arriva quando province come Terranova e Labrador e l’isola del Principe Edoardo considerano i propri piloti di reddito di base.
«Un reddito di base garantito è stato bandito per anni e questo disegno di legge potrebbe prevedere l’attuazione di progetti pilota che consentirebbero la raccolta di dati; pertanto, le decisioni potrebbero essere prese su fatti reali piuttosto che su supposizioni. Sarei lieto di un tale progetto pilota per PEI », afferma Wayne Easter, membro del Parlamento, Malpeque, Isola del Principe Edoardo.

Fonte: info detoxed

Lascia un commento