Canada: il reddito di base diventa una priorità


La pandemia ha effetti travolgenti. Molti paesi hanno dovuto chiudere interi settori dell’economia e hanno dovuto aumentare il ricorso a spese di emergenza per aiutare i cittadini (lavoratori e non). In Canada ora sta prendendo sempre più piede una misura che potrebbe risolvere molte delle problematiche legate al coronavirus: il reddito di base. In poche parole, reddito di base è quando i residenti ricevono denaro dal governo, senza condizioni, per assicurarsi di soddisfare i loro bisogni di base.

Il governo del primo ministro Justin Trudeau ha erogato fondi di emergenza (a causa della pandemia) a milioni di lavoratori disoccupati e agli studenti per oltre 60 miliardi di dollari. Kayte Barkshire, 28 anni, è una beneficiaria di questi fondi. Quando è tornata a Vancouver dalla Scozia all’inizio di quest’anno, la pandemia l’ha colpito prima che potesse trovare un lavoro. È stata però in grado di richiedere il Canada Emergency Response Benefit e ha ricevuto 2.000 dollari canadesi (1.523 dollari) al mese.
«Ho sempre provato un po’ di ansia quando si tratta di soldi, ed è stato bello avere una specie di base su cui fare affidamento», dice Barkshire, che l’ha usata per pagare l’affitto e il cibo mentre cercava un lavoro.
Il fondo per gli studenti, il Canada Emergency Student Benefit, ha inoltre distribuito  1.250 dollari canadesi al mese (952 dollari).
Quando questi programmi di emergenza si sono conclusi questo mese, il governo ha introdotto ulteriori benefici federali e altre spese per aiutare i lavoratori e l’economia a far fronte alla pandemia. Milioni sono senza lavoro. Il tasso di disoccupazione del Canada è del 9% , in calo dal record del 13,7% di maggio, ma è ancora uno dei più alti delle principali economie del Gruppo dei Sette.

Per tutti questi motivi il reddito di base sta diventando una priorità politica.

«Abbiamo un’opportunità unica per progettare il Canada di domani», ha twittato Rachel Bendayan, un membro del Parlamento di Montreal con il Partito Liberale di Trudeau. Ha sponsorizzato il reddito di base designandolo come la massima priorità politica del partito. «Abbiamo ricevuto abbastanza sostegno sulla nostra risoluzione sul reddito di base per passare direttamente a una votazione».

L’idea sta guadagnando popolarità anche tra i canadesi, ogni giorno di più. Un sondaggio d’opinione dell’Angus Reid Institute di giugno ha rilevato che il 59% degli intervistati sosteneva l’introduzione di un reddito annuo di base fino a  30.000 dollari canadesi (22.849 dollari). La maggioranza sostiene che sono i ricchi che dovrebbero pagare la misura (attraverso una tassazione). Nel frattempo, una petizione online a settembre della Canadian Initiative for Basic Income ha raccolto quasi 22.000 firme.

Il coronavirus, nel frattempo, non sta andando via. In alcune parti del Canada si sono registrati nuovi picchi nei casi, e ciò ha provocato un altro round di restrizioni in alcune province. Qualunque cosa il governo scelga di fare per i lavoratori (al di là della pandemia), l’economista sanitario Forget afferma che la lezione delle misure di emergenza già erogate è che «mettere soldi nelle mani delle persone» si è dimostrato possibile.

Fonte: NPR

RICORDATI DI FIRMARE PER INTRODURRE UN REDDITO DI BASE IN EUROPA

Lascia un commento