Campania nasce comitato per un reddito minimo regionale


Riceviamo e volentieri pubblichiamo la notizia di una importante iniziativa per avviare un percorso che rivendichi una misura di reddito minimo garantito nella regione Campania. Di seguito uno stralcio del comunicato finale dei promotori dell’iniziativa: “Venerdì 12 Giugno 2015, più di un centinaio di persone, tra precari, disoccupati e studenti, hanno partecipato all’assemblea presso l’ex asilo Filangieri per un dibattito su una proposta di legge di iniziativa popolare che garantisca un reddito minimo garantito nella Regione Campania. Una bozza di legge ancora in costruzione e che vedrà la proposta nascere da una serie di confronti tra i tanti e le tante che hanno animato le mobilitazioni sociali in Campania e che insieme avvieranno una campagna regionale sul reddito minimo. Dopo le vicenda legata alla sperimentazione della legge regionale 2/2004 sul”reddito di cittadinanza” dell’amministrazione Bassolino, si cerca di porre di nuovo al centro dell’agenda dei movimenti sociali una discussione circa una proposta di legge sul reddito garantito, dal momento che la crisi e l’aggravarsi della disoccupazione necessitano di misure urgenti e concrete. Un aspetto che caratterizza e differenzia questa proposta rispetto ad altre, è per esempio il suo carattere universale, in quanto essa si rivolge non solo alla fasce di disoccupati ma anche agli inoccupati e ai precari. Inoltre si si rivolge alla singola persona e non al nucleo familiare e utilizza anche forme indirette di denaro. Una misura che pone al centro del suo essere non la cittadinanza, che consideriamo uno strumento volto all’esclusione di ampie fasce di popolazione, ma la residenza, per permettere anche ai migranti di ricevere un reddito minimo. Un reddito minimo che provi a risolvere il problema del disagio sociale e del rischio di povertà.”

Per maggiori informazioni e leggere tutto il comunicato e mettersi in contatto con il comitato promotore clicca qui

Lascia un commento