Australia: aumentano i sostenitori del reddito di base


Mentre la pandemia globale infuriava in Australia nel 2020, ha portato con sé un inaspettato positivo: molti australiani hanno ricevuto per la prima volta una forma di sostegno al reddito. Il raddoppio del sostegno del Jobseeker e di JobKeeper, che dava sicurezza a quegli australiani con un lavoro precario, ha fatto sì che, per un breve periodo, molti australiani hanno ricevuto un sostegno che aha portato molti di loro al di sopra della soglia di povertà.

L’organizzazione Anglicare Australia ha iniziato a chiedersi perché, quando i benefici erano così evidenti, l’Australia non avrebbe dovuto lottare per introdurre forme di reddito garantito che fosse esigibile sempre. L’organizzazione ha così incaricato i ricercatori sociali di Ipsos di intervistare 1.000 australiani con l’obiettivo di capire come un reddito di base influirebbe sul loro lavoro e sulle loro vite finanziarie.

Il risultato è il rapporto Valuing Every Contribution di Anglicare Australia , che ha rilevato che il 77% degli australiani ha sostenuto la necessità di introdurre un reddito di base permanente.

Il dottor Troy Henderson, economista ed esperto di reddito di base dell’Università di Sydney, ha spiegato nel rapporto che il reddito di base dovrebbe essere visto come “qualcosa per tutti”. “La sicurezza del reddito è un bisogno umano fondamentale e il reddito di base è un mezzo per soddisfare tale bisogno. Il COVID-19 non ha creato la necessità di un reddito di base, ma ha reso tale bisogno più visibile a milioni di australiani”, ha affermato Henderson. “I sostegni introdotti durante la pandemia ci hanno mostrato cosa è possibile in termini di protezione sociale temporanea. La vera sfida è rendere permanente la sicurezza del reddito”. 

Il rapporto chiedeva agli australiani in che modo un reddito di base avrebbe influenzato le loro vite, come avrebbero usato il loro tempo e come avrebbero interagito con la forza lavoro. Si è così scoperto che due australiani su cinque utilizzerebbero un reddito di base per garantire le proprie finanze, uno su quattro trascorrerebbe più tempo a fare volontariato o a prendersi cura dei propri cari, uno su cinque migliorerebbe le proprie capacità professionali o l’istruzione e uno su 10 ridurrebbe le ore di lavoro retribuite, che potrebbe liberare capacità per 1,1 milioni di australiani attualmente in cerca di lavoro. Il direttore esecutivo di Anglicare Australia, Kasy Chambers, ha affermato che l’anno scorso si è dimostrato che a ogni australiano potrebbe essere garantito un reddito per portarlo al di sopra della soglia di povertà. “Le vite sono state trasformate e centinaia di migliaia di persone sono uscite dalla povertà. Il nostro studio mostra che un reddito di base permanente porterebbe molti più benefici”, ha affermato Chambers. “Ci sono così tanti australiani che vogliono lavorare di più, ma non possono avere le ore di cui hanno bisogno. Un reddito di base potrebbe creare loro spazio consentendo ad altri di lavorare di meno. Le persone con un reddito insicuro ci hanno detto che li avrebbe aiutati a gestire il loro debito e risparmiare per il futuro. Altri volevano fare nuova formazione per andare incontro al cambiamento investendo nelle loro competenze e istruzione. Con così tanti benefici, non c’è da meravigliarsi che così tante persone sostengano un reddito di base”.

Puoi leggere il rapporto dell’indagine completo, qui

Fonte Probono Australia

Lascia un commento