1 maggio: #Basicincomeday, il giorno del reddito di base


“Celebriamo il passato, riconosciamo il presente, abbracciamo il futuro con un reddito di base”. Questo lo slogan che sta circolando in rete per un 1 maggio in sostegno alla proposta di un reddito di base incondizionato, dalle diverse reti per il reddito sparse sul globo.

Un estratto dal comunicato per il 1°maggio Basic Income Day:

#Basicincome Day è 1 maggio
“Cosa faresti con uno stipendio mensile, separato e in aggiunta a qualsiasi altro stipendio, ma “guadagnato” come un diritto di cittadinanza e sufficiente per voi per soddisfare le vostre esigenze più elementari per la vita? Questo è il reddito di base, ed è quello che il Basic Income Day  vuole vedere riconosciuto nel 21 ° secolo.

Popolarmente conosciuta come May Day o Festa del lavoro, il 1 ° maggio è stato a lungo un giorno per riconoscere a livello internazionale i contributi del movimento globale del lavoro e le sue numerose lotte e successi nel corso degli anni. Tuttavia, anche se la forza delle lotte hanno permesso di arrivare alle 8 ore al giorno, la globalizzazione e i progressi tecnologici hanno eroso la capacità dei sindacati per ottenere nuovi cambiamenti.

L’automazione del lavoro continuerà ad eliminare la metà di tutti i posti di lavoro in corso entro il 2033, e in aggiunta erodendo ogni forma di sicurezza economica e di potere di acquisto dei consumatori attraverso la crescita di posti di lavoro a tempo parziale, a bassa retribuzione, del lavoro temporaneo, dei freelance, e dei contratti a zero ore. Il reddito di base incondizionato rappresenta la capacità per rilanciare nuovi lavori e nuove scelte e per dire “no” ai lavori a basso salario e dequalificantidando maggior potere contrattuale alle persone. Ciò significa anche lavorare per salari più alti e  migliori condizioni di lavoro…

… Significherebbe una nuova era di maggiore uguaglianza, innovazione, produttività e nuova imprenditorialità, dove tutti sono finalmente liberi di perseguire gli obiettivi che intendono perseguire, e tutto il lavoro potrebbe essere riconosciuta per il suo valore sociale, invece di “lavoro pagato” così com’è adesso. Non è forse giunto il tempo di riconoscere tutto il lavoro come importante anche quello non pagato?

Anche Andy Stern, ex presidente della Service Employees Union Internazionale (SEIU), in un libro di prossima pubblicazione spiega come il reddito di base è il futuro del movimento dei lavoratori, e la proposta politica su cui dobbiamo tutti insieme lottare per il 21 ° secolo. Si tratta di un’idea il cui tempo è arrivato.

Che cosa si può fare? Ci sono molti modi per sostenere l’idea e per far crescere il movimento per il reddito di base. Per esempio partecipare al #basincomeday e sostenere il Thunderclap, modificare le foto del proprio profilo facebook o tweet, condividire i contenuti e le notizie che parlano di un reddito di base in tutte le reti di social media il 1° maggio. L’anno scorso sono state raggiunte 700.000 persone. Quest’anno, cerchiamo di arrivare ad oltre 1 milione!”

Per maggiori informazioni clicca qui

Lascia un commento