Campania diecimila firme per il reddito minimo garantito


Diecimila firme in 120 giorni. Questo è l’obiettivo della campagna per il reddito minimo garantito che un’ampia rete di forze sociali intende raggiungere in Campania. L’importo massimo è di 7 mila euro all’anno, pari a 583 euro al mese. Tra i requisiti previsti per l’accesso a questa misura c’è la maggiore età, la residenza in Campania da almeno un anno, l’iscrizione alle liste di collocamento, un reddito personale imponibile inferiore ai 7500 euro, fascia Isee di 21.265 euro e non avere maturato i requisiti per il trattamento pensionistico. A differenza delle proposte di legge presentate in Puglia, o approvate in Valle d’Aosta, la bozza campana ritiene «insufficiente» il solo criterio dell’Isee per valutare la condizione economica di un soggetto in difficoltà lavorativa. «Gli indici di maggiore povertà — si legge — si concentrano a livello individuale come emerge anche dai dati Istat». è stato quindi scelto di considerare non solo la situazione familiare, ma la condizione della «persona in quanto tale». «Del resto — continua il testo — anche la struttura della famiglia tradizionale (coppia con figli) è in crisi». «Sono aumentati i nuclei mono-genitoriali giunti a 2 milioni in Italia per via degli accresciuti squilibri demografici ancora più forti nel mezzogiorno». Il sito della campagna è: www​.redditominimocampania​.org.

Tratto da Il Manifesto 11 novembre 2015 – Roberto Ciccarelli

Lascia un commento