Brasile: la città di Marica un laboratorio per il reddito di base


Marica è una città di mare, vicino Rio de Janeiro, di circa 150mila persone ed il Comune ha deciso di dare avvio ad un significato, anche se iniziale, progetto di reddito di base incondizionato. “Siamo un laboratorio per la sinistra brasiliana”, dice Washington Quaqua, che aveva avviato l’esperimento come sindaco già dal dicembre 2015. Quaqua è stato poi sostituito da un altro candidato del Partito dei lavoratori, Fabiano Horta. Marica è rimasto un bastione della sinistra brasiliana e l’idea del reddito di base si è ben conciliata con il fervore socialista della comunità tanto che Che Guevara, sarà il nome che verrà dato al nuovo ospedale cittadino. “Il mondo manca di creatività e Marica sta dando l’esempio di una città che sa come ridistribuire le sue ricchezze” afferma Quaqua con orgoglio. Ed è cosi che la città di Marica sta diventando uno degli esempi per molte altre sperimentazioni. Come quella in Finlandia tanto per citarne una, in cui ad un gruppo di disoccupati (per ora) verrà dato un reddito di base incondizionato di circa 600 euro. A Marica l’importo purtroppo è un pò più “misero” ed è intorno a circa 3.20 dollari, ma il nuovo sindaco sta lavorando per raggiungere la somma di 32 dollari nel 2017. Sono 14.000 le famiglie più povere della città che vedono erogato attualmente il reddito di base incondizionato, che è denominato Mumbucas, una moneta virtuale creata tre anni fa. Il reddito di base di 10 reais si aggiunge agli 85 reais ($ 27) dell’assegno sociale mensile per le famiglie a basso reddito. I soldi sono erogati anche alle persone di età compresa tra 14 e 29 anni e le donne in gravidanza che ricevono anche altri benefici. Un limite al momento è dato dal fatto che sono solo 131 le imprese locali che accettano il pagamento in Mumbucas. La moneta, che esiste fisicamente grazie alle carte magnetiche non è ancora molto popolare tra gli imprenditori.  L’oppositore politico Filippe Poubel dice che: “La gente vuole lavorare, vogliono guadagnare il loro salario.” Fabiano Horta, il nuovo sindaco di sinistra respinge tali critiche dicendo che “al contrario un reddito di base libererà nuove energie e crea nuovi posti di lavoro stimolando l’economia locale”, e aggiunge che “la città, potendo gestire i ricavi dallo sfruttamento di petrolio in mare aperto, può permettersi di aumentare il programma in modo esponenziale nel corso dei prossimi 10 anni.” L’ex sindaco Quaqua aggiunge: “Ai ricchi piace quando ottengono milioni di sgravi fiscali per le loro imprese. Ma sono furiosi quando diamo poche centinaia di reais ai poveri.”

Tratto da Yahoo News

Lascia un commento