Svezia: nasce il partito per il reddito di base


Lena Stark, vicepresidente della rete europea per reddito di base incondizionato (UBIE), ha fondato un nuovo partito politico, il Basinkomstpartiet, per promuovere il reddito di base in Svezia. Il Basinkomstpartiet prevede di sviluppare un modello specifico di reddito di base per il paese scandinavo e prevede di candidarsi alle elezioni elettorali svedesi nel settembre 2018.

Al momento, il progetto è ancora in fase di sviluppo – così come il modello di reddito base che intenderà promuovere. Per diventare un partito politico ufficiale, Basinkomstpartiet necessita di almeno 1500 firme; Al momento della proposta ha raccolto circa 700 firme. Oltre a raccogliere le firme per ufficializzare la nascita del partito e dunque potersi presentare alle elezioni del 2018, il Basinkomstpartiet, attualmente è concentrata sulla raccolta fondi e sulla creazione di una piattaforma politica del partito. Inoltre sta riunendo un team di ricercatori e accademici per redigere un modello di reddito di base adatto al paese scandinavo.

Mentre altri partiti politici incentrati sul reddito di base sono stati nati come partiti “singoli” (come il Bündnis Grundeinkommen tedesco, lanciato nell’ottobre dello scorso anno), Stark rifiuta l’etichetta di un “partito politico solo per il reddito di base”. Il Basinkomstpartiet infatti promuove una visione del reddito base come diritto umano, come diritto ad un “livello di vita adeguato” richiesto dalle Convenzioni delle Nazioni Unite sui diritti dell’uomo, e promuovendo anche proposte per la sostenibilità ecologica.

Per maggiori informazioni clicca qui

Lascia un commento