Scozia: commissione parlamentare per studiare il reddito di base incondizionato


Un comitato trasversale del Parlamento scozzese avvierà una commissione sul reddito di base e questa sarà trasmessa in diretta televisiva il 9 marzo 2017. Il movimento per un reddito di base scozzese ha recentemente avuto una forte attenzione dei media a causa della pianificazione di studi e ricerche per un progetto pilota nella città di Glasgow e nella zona di Fife. Mentre questi sforzi sono stati perseguiti dai rispettivi consigli regionali, il parlamento scozzese sta esaminando la possibilità di introdurre un reddito di base per tutta la Scozia. Il 9 marzo, 2017, il Comitato per la sicurezza sociale del Parlamento scozzese convocherà una riunione in cui un gruppo di esperti presenterà prove relative alla fattibilità di un reddito di base. Il comitato interpartitico si propone di indagare quale deve essere il livello di reddito di base sufficiente per le persone, come il programma potrebbe essere finanziato, se deve essere implementato etc.  Sandra Bianco, membro del parlamento scozzese dello Scottish National Party (SNP), spiega l’importanza della sessione sul reddito di base: “Sappiamo tutti che l’attuale sistema di sussidi è pieno di complessità, e il concetto di un reddito universale per tutti è un’alternativa interessante. Questo Comitato vuole indagare se il principio può funzionare nella pratica. Mentre tutti noi vogliamo un sistema che sia più giusto e si prende cura dei più bisognosi, è chiaro che l’attuazione di tale proposta è tutt’altro che semplice. ” Il SNP, il più grande partito politico della Scozia, ha approvato una mozione per il reddito di base universale in occasione della conferenza del marzo 2016.

Per maggiori informazioni, oltre che i diversi articoli presenti sul sito del BIN Italia, vedere per questa notizia qui

Lascia un commento