Ontario, Canada: prime interviste ai percettori del reddito di base


Il 24 febbraio 2018, The Star.com, giornale canadese pubblica un interessante articolo sulla sperimentazione del reddito di base in Ontario, raccogliendo alcune interviste fatte ai beneficiari. Il titolo dell’articolo è eloquente: “Da una mera sopravvivenza alla prosperità: i beneficiari del reddito base dell’Ontario hanno meno stress ed una salute migliore”. Di seguito alcuni stralci dell’articolo.

Il progetto pilota, della durata di tre anni, iniziato la scorsa estate, sta testando se il reddito di base incondizionato possa aumentare la salute, l’istruzione e facilitare l’accesso all’alloggio per le persone che vivono in povertà. Nell’occasione il The Star ha intervistato, tra gli altri, alcuni tra i beneficiari del reddito di base: Margie Goold, che soffre di artrite debilitante. Lance Dingman, che ha perso la gamba destra a causa di una malattia ossea cronica. Wendy Moore, che è rimasta senza casa per quasi due anni.

I tre residenti di Hamilton fanno parte della prima parte dei partecipanti all’esperimento dell’Ontario del reddito di base, un pagamento mensile incondizionato che può raggiungere fino a 1400 dollari canadesi al mese per le persone che vivono in povertà. Le persone con disabilità ricevono altri 500 dollari al mese.

Il progetto pilota della durata di tre anni, iniziato nelle aree di Hamilton e Thunder Bay l’estate scorsa (2017) e a Lindsay lo scorso autunno, sta sperimentando se un reddito di base incondizionato possa migliorare la salute, l’istruzione e facilitare l’accesso all’alloggio per le persone che ricevono assistenza sociale o percepiscono bassi salari. Le informazioni raccolte saranno utili per orientare anche nel futuro le scelte politiche della Provincia dell’Ontario per sostenere le persone che sono a rischio o vivono in povertà. L’Ontario è uno dei luoghi al mondo dove oggi si sta sperimentando un reddito di base.

Moore, 60 anni, usa il suo reddito di base per cercare un alloggio stabile. “Il mio obiettivo principale è avere un luogo dove poter vivere e restituire a John il suo appartamento”, dice la residente di Hamilton Wendy Moore, che ha dormito sul divano del suo amico John per circa un anno. Prima di entrare a far parte del programma sperimentale del reddito di base in ottobre, la madre single di sei figli e nonna di 12 nipoti “sopravviveva a malapena” con 330 dollari al mese della pensione di disabilità. Il suo reddito totale per il 2016 è stato di 4,247 dollari canadesi. Poiché Moore era anche senza una casa, non aveva diritto al sostegno all’affitto. Grazie all’introduzione del progetto pilota del reddito di base Moore riceve 1.416 dollari al mese, una cifra che rimane costante, a prescindere se abbia o meno una casa. Il reddito di base “mi sta restituendo la mia indipendenza”, ha detto Moore. “Non mi sento abbandonata in un angolo. Se voglio mangiare posso permettermi di comprare qualcosa invece di andare in una banca del cibo o in una mensa per i poveri”. Sono quasi 3.000 le persone che ad oggi sono state selezionate per la sperimentazione del reddito di base in Ontario. La provincia spera di raggiungere almeno 6.000 partecipanti, tra cui 4.000 che riceveranno un reddito di base incondizionato che avranno il solo compito di rispondere ai questionari della sperimentazione e partecipare a focus group come parte dello studio. Altri 2.000 non riceveranno il reddito di base ma saranno pagati come gruppo di ricerca della sperimentazione e per studiare i miglioramenti introdotti dal reddito di base. L’installatore di impianti di riscaldamento di Thunder Bay, Taras Harapyuk, non lavora dal 2015 quando è caduto con una scala dal suo camion. Nel settembre 2017 si è iscritto al progetto pilota del reddito di base. Ha appreso che la sua domanda è stata selezionata a caso come parte del gruppo di controllo e non dunque come beneficiario del reddito di base. “Sono rimasto deluso nel sapere che non sono stato scelto per ottenere il reddito di base” ha detto Harapyuk “ma farò parte del gruppo di ricerca. Sono felice di aiutare.”

Gli adulti nei tre luoghi in cui si svolgerà la sperimentazione hanno un’età compresa tra 18 e 64 anni con redditi al netto delle imposte inferiori a  34.000 dollari l’anno o coppie con redditi inferiori a 48.000 dollari. Il limite di reddito per le persone con disabilità è di 46.000 dollari canadesi. Se i partecipanti trovano un impiego o ottengono un lavoro migliore, il reddito di base sarà comunque erogato e ridotto di 50 centesimi per ogni dollaro guadagnato dall’attività lavorativa. Non saranno più ammissibili quando avranno superato la soglia di accesso al beneficio. I pagamenti del reddito di base vengono calcolati una volta all’anno, in base alla dichiarazione dei redditi dell’anno precedente del partecipante. Gli amministratori del progetto possono apportare modifiche a metà anno se i partecipanti perdono il lavoro o tornano a scuola, etc.

Le iscrizioni per ricevere il reddito di base sono arrivate a 2.544 a fine gennaio 2018 ed il progetto sperimentale è sulla buona strada per avere tutti e 6000 i partecipanti entro l’estate del 2018, secondo il governo. “Siamo sulla buona strada per raggiungere la piena iscrizione dei partecipanti al progetto pilota e adottare le misure per garantire che questo studio sia condotto con la massima integrità, rigore e standard etici”, hanno affermato il ministro dei servizi sociali Helena Jaczek e il ministro degli alloggi Peter Milczyn, responsabili del governo per il progetto pilota. “Ciò che apprenderemo da questo progetto pilota contribuirà a migliorare i nostri piani a lungo termine per sostenere meglio le persone che vivono con redditi bassi”, hanno affermato in una dichiarazione congiunta.

Margie Goold, 60 anni, ha una disabilità a causa di una grave di artrite, e per questo in precedenza riceveva circa $ 1.400 al mese dal Programma di supporto per i disabili dell’Ontario. Dal momento che ha iniziato a partecipare al programma sperimentale del reddito di base ad ottobre 2017, il suo reddito mensile è aumentato del 28% fino a raggiungere 1.806 dollari canadesi. Oltre ad aver potuto acquistare un nuovo “walker” per poter deambulare, i soldi le hanno permesso di portare suo marito, Don, alla steak house Keg per il suo 65esimo compleanno. “È bello poter celebrare un compleanno come tutti gli altri”, ha detto.

Alana Baltzer, residente anche lei ad Hamilton, di 28 anni, è passata da un sussidio per la disabilità $ 722 al mese per un reddito di base di $ 1,915 ad ottobre. “Questo è già stato un enorme cambiamento di vita per me, ho un frigo pieno, sto mangiando cibo più sano”. La Baltzer sopravviveva grazie ad acquisti fatti solo in negozi dell’usato, ora approfittando delle vendite del Black Friday a novembre ha acquistato il suo primo cappotto invernale. “Sicuramente sarà utile con il freddo”, ha detto. Dopo aver vissuto con i sussidi del welfare e abitare in alloggi sociali per la maggior parte della sua vita, la Baltzer afferma che il reddito di base le consentirà finalmente di trasferirsi in una abitazione “normale, lontano dai rumore e dalle situazioni di tensione”. Il reddito di base “è stato un enorme cambiamento di vita per me”, ha detto. “Ho un frigo pieno. Sto mangiando cibo più sano.” Inoltre finalmente può permettersi una cura dentale per correggere i problemi dei denti causati da anni di cattiva alimentazione.

Alcuni partecipanti potrebbero sperperare i soldi, ha detto Laura Cattari, 48 anni, coordinatrice della Tavola rotonda Hamilton per la riduzione della povertà. Ma la stessa Cattari ritiene che le persone coinvolte nello studio abbiano maggiori probabilità a risparmiare. Ad esempio, dice sempre Cattari, ci è voluto più di un anno, dice lei stessa, prima di sentirmi a proprio agio nell’acquistare qualcosa di semplice come un nuovo maglione. “Questo è ciò che la privazione economica produce nel lungo termine. Hai paura di cambiare. Il reddito di base al contrario rende le persone più sane e meno stressate. Ma ci vorrà del tempo “, ha detto. “Per cambiare atteggiamenti e prospettive, le persone hanno bisogno di sentirsi a proprio agio e non oppresse. E non sono sicuro che tre anni siano abbastanza lunghi.”

Kwame McKenzie, consigliere speciale della provincia per l’iniziativa, afferma che i ricercatori vorrebbero poter avere 10 anni di sperimentazione per poter studiare al meglio gli effetti di un reddito di base. Ma con l’automazione e il lavoro in rapida evoluzione, il governo ha bisogno di informazioni il più rapidamente possibile per poter indirizzare al meglio le possibili modifiche dell’assistenza sociale e per l’introduzione del reddito di base, ha affermato McKenzie, CEO del Wellesley Institute health think-tank e direttore del settore salute del Centro per le dipendenze e la salute mentale.

Il progetto pilota sarà studiato in modo indipendente anche dai ricercatori del St. Michael’s Hospital e della McMaster University che seguiranno i cambiamenti nel campo dell’occupazione, della sanità, dell’istruzione, della sicurezza alimentare e dell’alloggio attraverso sondaggi e focus group. “Non confronteremo una persona con un’altra persona. Guarderemo gruppi di persone che hanno il reddito di base rispetto alle persone che non lo hanno”.

A Lindsay, circa 2.000 residenti, o quasi tutti coloro che vivono in povertà, riceveranno il reddito di base, ed i ricercatori valuteranno anche come la comunità cambia. “Considereremo anche altre dinamiche come cambia il livello di disoccupazione, la criminalità e lo confronteremo con altri tre o quattro luoghi vicini e simili a Lindsay con le stesse dimensioni della popolazione”, ha affermato McKenzie.

“Se starò attenta, dovrei riuscire ad estinguere i miei debiti proprio quando la sperimentazione terminerà tra tre anni”, dice la residente di Lindsay Kathy Mahood, 53 anni, che è caduta in una profonda povertà dopo un infortunio alla schiena legato al lavoro e alla morte di suo marito due anni fa. Kathy Mahood ha aderito al progetto pilota ad ottobre 2017, ed afferma di aver già visto una differenza nella comunità. “Le persone sono più sollevate e felici nel ricevere il reddito di base”, ha detto. “Me ne accorgo davvero quando controllo le persone iniziano ad uscire alla fine del mese. I negozi sono molto più affollati. La città è più viva e mi pare ci sia più occupazione. Sta sicuramente iniettando più denaro nella comunità “. Quando è entrata a far parte del progetto pilota ad ottobre, viveva con circa 735 dollari al mese in benefici pensionistici e grazie ad alcuni proventi della vendita della sua casa. “Ho pensato di perdere il mio appartamento e dover affittare una stanza. E ‘stato piuttosto spaventoso “, ha detto. Ma con 1.200 $ di reddito di base ogni mese in aggiunta ai suoi sussidi di invalidità, Mahood ha denaro sufficiente per vivere in affitto e mangiare cibo sano – ed ha iniziato a effettuare pagamenti regolari per cancellare il debito della sua carta di credito. Mahood è stata in grado di comprare regali di Natale per i suoi quattro nipoti a dicembre. Poteva permettersi di comprare gli ingredienti per i dolci natalizi. Può mettere benzina nella sua auto e ha i soldi per le riparazioni necessarie. “Mi sento più sana e non sono stressata tutto il tempo pensando ai soldi”, ha detto.

Clicca qui per leggere l’articolo integrale (in inglese) tratto da The Star. com del 24 febbraio 2018

Lascia un commento