Lo stato dell’Unione Europea


ISAE

Nel Consiglio Europeo tenuto a Lisbona nel marzo 2000, i Capi di Stato e di Governo avevano posto l’obiettivo di rendere l’Unione Europea l’economia più competitiva e dinamica del mondo, basata sulla conoscenza e capace di dar vita a una crescita economica sostenibile, di aumentare e migliorare i posti di lavoro e di dar luogo a una maggiore coesione sociale e un maggiore rispetto per l’ambiente. Tale obiettivo sarebbe stato conseguito entro il 2010. Tuttavia le conclusioni del Rapporto Kok, realizzato su richiesta del Consiglio Europeo e della Commissione e completato nel novembre 2004, evidenziavano che i progressi conseguiti a metà percorso erano insufficienti. Il Rapporto raccomandava pertanto una maggiore focalizzazione sugli obiettivi prioritari della crescita e dell’occupazione e il bisogno di una maggiore e attiva partecipazione (ownership) degli Stati Membri al disegno delle riforme, da conseguire mediante la presentazione di programmi nazionali.

Per leggere la pubblicazione clicca qui

Lascia un commento