La Namibia pensa al reddito di base


Il ministero contro la povertà e per il welfare sociale in Namibia ha espresso la possibilità di introdurre un reddito di base per i genitori tra i 19 ed i 59 anni.

Il Ministero è stato istituito all’inizio del 2015, a seguito dell’elezione del presidente Hage Geingob. È diretto dall’ex Vescovo Zephania Kameeta, sostenitore del reddito di base. Nel maggio 2016 il Ministero ha realizzato un documento ufficiale in cui ha dichiarato che “le misure di welfare dovrebbero fornire alle persone strumenti che garantiscano autosufficienza per contrastare la povertà”.

La relazione serviva ad avviare un dibattito per discutere l’attuazione di un piano contro la povertà ed il ministero esaminerà anche l’introduzione di una reddito di base per le persone che hanno tra i 19 ed i 59 anni”.

La Namibia è uno di quei paesi nel mondo dove sono state realizzate già sperimentazioni di un reddito di base incondizionato negli anni passati.

Per maggiori informazioni

Lascia un commento