India: Nuova Delhi conferenza nazionale sul reddito di base


In India la Rete per il reddito di base in collaborazione con SEWA ha organizzato una Conferenza Nazionale sul “Il reddito di base in India” a Nuova Delhi il 29 e 30 marzo 2017.

Questa Conferenza Nazionale arriva sullo sfondo di nuovi sviluppi in India rispetto al reddito di base. Il 31 Gennaio 2017, Il ministro delle Finanze indiano, Arun Jaitley ha presentato l’indagine economica in Parlamento, un documento di prospettiva presentato ogni anno dal Ministero. Quest’anno, questo documento ha avuto un intero capitolo sul reddito di base proposto e scritto da Arvind Subramanian, l’Economic Advisor del capo del governo indiano.

Si tratta di un documento di 40 pagine che fa un’analisi molto equilibrata di come il concetto di reddito di base sia rilevante per il contesto indiano. Stabilisce inoltre le sfide da affrontare quando questa proposta si applica ad un paese cosi grande come l’India. L’autore scrive con una certa convinzione che il reddito di base universale è una buona idea e che dovrebbe essere presa seriamente in considerazione.

Gli argomenti degli avversari al reddito non sono molto diversi da quelli che emergono in altre parti del mondo. È interessante però notare che queste voci non sono cosi forti in India. In ogni caso, il punto è che in pochissimo tempo l’idea del reddito di base ha guadagnando una grande attenzione in India. Dati i numeri da capogiro e le implicazioni fiscali che comporterebbe per un paese grande come l’India l’idea potrebbe essere quella di cominciare l’introduzione del reddito su gruppi demografici specifici, piuttosto che tutti i cittadini? E in che modo muoversi verso un reddito “universale”? Chi dovrebbero essere i gruppi vulnerabili?

In occasione della Giornata internazionale della donna (2017) due associazioni hanno approvato e lanciato un appello per ‘un reddito di base incondizionato per le donne’.

La proposta di un reddito di base è stata presentata in Parlamento, il ministro delle Finanze dello stato del Jammu e Kashmir, Haseeb Drabu, ha annunciato che lo Stato è pronto ad attuare un reddito di base. Tuttavia, ha chiarito, è subordinato al governo federale, perché le sovvenzioni federali costituiscono la parte sostanziale del bilancio sociale. Si tratta di una questione di tempo prima che altri ministri cominciano a comprendere l’importanza del reddito di base.

Per maggiori info e leggere l’articolo completo clicca qui

Lascia un commento