Germania: la coalizione Jamaika vuole sperimentare il reddito di base


La CDU, i Verdi e FDP stanno progettando un progetto pilota per il reddito di base nello Schleswig-Holstein.  La coalizione “Jamaika” in Schleswig-Holstein ha in programma di fare una rivoluzione nelle politiche del mercato del lavoro e delle politiche sociali: invece di sostenere le persone bisognose con l’Hartz IV darà loro e tutti gli altri di un reddito di base incondizionato – a partire dalla realizzazione di un progetto pilota. “Vogliamo sviluppare e testare un reddito di base come modello riproducibile nella regione del Schleswig-Holstein”, ha annunciato Robert Habeck dei verdi e vicepresidente del governo regionale.  “Nonostante le molte opportunità che si trovano nel mercato del lavoro cosiddetto 4.0, ci saranno persone che andranno incontro a problemi economici ed esistenziali”, dice il ministro per gli Affari Sociali di Schleswig-Holstein Heiner Garg della FDP. Pertanto la coalizione “Jamaika” vuole affrontare in maniera nuove le nuove “questioni chiave del mondo del lavoro”.

Attualmente coloro che hanno difficoltà economica usufruisocno dei benefici dell’Hartz IV. I sostenitori della sperimentazione del reddito di base ritengono invece che il denaro erogato incondizionatamente a tutti i disoccupati non deve avere sanzioni, senza i controlli imposti oggi dal sistema di Hartz IV. In questo modo lo Stato può risparmiare  gran parte del suo miliardo di euro che finisce per la burocrazia ed il controllo dei beneficiari.

Il reddito di base è sostenuto da un ampio fronte politico – dal leader del partito di sinistra Katja Kipping, che chiede che siano erogati come minimo 1.050 euro al mese, il leader dei Verdi Arfst Wagner ma anche imprenditori come il proprietario della catena DM-Drogerieketten- Götz Werner. Anche nella CDU, vi è un certo sostegno alla proposta.

Per maggiori informazioni clicca qui

Lascia un commento