Finlandia: il reddito di base riduce lo stress da disoccupazione


Il progetto pilota in Finlandia del reddito di base sta cominciando a dare i primi frutti a quanto pare, e ne sta “beneficiando la salute mentale delle persone che lo ricevono” dice Marjukka Turunen dell’agenzia di assicurazione sociale della Finlandia.
2.000 persone ricevono 560 euro ogni mese per i prossimi due anni. I destinatari non sono obbligato a cercare devono o come stanno spendendo il denaro.
Marjukka Turunen, di KELA, dell’agenzia di assicurazione sociale della Finlandia, ha dichiarato, come anche il taglio dei procedimenti burocratici per il welfare, abbia non solo ridotto i costi ma il sistema in cui viene erogato il reddito di base incondizionato ha avuto un effetto positivo indiretto sulla salute mentale della gente. “C’era questa donna che ha detto: “Ho paura ogni volta che il telefono squilla, i servizi di disoccupazione mi chiamano tutti i giorni per dirmi che devo cercare lavoro” ha  riportato la sig.ra Turunen. La donna non era in grado di lavorare perché stava prendendo cura di genitori anziani. Ha aggiunto: “Questo esperimento al contrariro, essendo incondizionato, ha avuto un impatto indiretto anche sui livelli di stress delle persone che prima ricevevano misure di welfare con obblighi al lavoro. Questo è stato utile anche per la salute mentale delle persone creando meno stress”.
Il programma di sperimentazione del reddito di base è parte delle misure introdotte dal governo finlandese per affrontare il problema della disoccupazione.

Lascia un commento