Finlandia: la sperimentazione del reddito di base continua. Il comunicato ufficiale di Kela


In merito alle confuse notizie apparse sulla “fine” ed il “fallimento” della sperimentazione del reddito di base in Finlandia, di seguito il comunicato ufficiale dell’Istituto finlandese per la sicurezza sociale Kela, che si occupa della sperimentazione.

 

La sperimentazione del reddito di base continuerà per un altro anno come da accordi – L’analisi degli effetti inizierà solo nel 2019.

La sperimentazione del reddito di base in Finlandia continuerà per un altro anno – L’analisi degli effetti inizierà nel 2019.

Non verrà effettuata alcuna analisi a metà percorso degli effetti della sperimentazione del Reddito di base, in quanto potrebbe distorcere i risultati finali. Gli effetti della sperimentazione (compresa la questione relativa all’occupazione) saranno disponibili entro la fine del 2019 o all’inizio del 2020.

L’esperimento di reddito di base in Finlandia è ora a metà percorso e sta procedendo secondo i piani. I 2.000 partecipanti ricevono un pagamento base mensile di EUR 560, che è indipendente da qualsiasi altro reddito che possono avere e non subordinato ad una ricerca attiva di lavoro.

L’esperimento è iniziato a gennaio 2017 e proseguirà fino alla fine del 2018 come convenuto. Al momento non ci sono ulteriori programmi per ampliare la sperimentazione dopo questa fase, come convenuto.

Gli effetti saranno studiati dopo che l’esperimento è terminato

Lo scopo della sperimentazione del Reddito di Base è studiare l’effetto che può produrre sia la semplificazione del sistema di sicurezza sociale sia l’aumento del tasso di occupazione dei partecipanti allo studio. Gli effetti saranno studiati una volta concluso l’esperimento alla fine del 2018.

– Gli effetti dell’esperimento non saranno pubblicati mentre l’esperimento è in corso, perché una discussione pubblica sui risultati potrebbe influenzare il comportamento dei gruppi di test e di controllo. Ciò porterebbe a risultati distorti, afferma il professor Olli Kangas di Kela, che ha guidato il gruppo di ricerca che ha partecipato alla pianificazione dell’esperimento.

– Non sarebbe utile basare conclusioni sugli effetti a lungo termine dell’esperimento o sugli effetti osservati nelle fasi iniziali.

Lo studio si basa principalmente su dati raccolti nei registri amministrativi.

– Ci vorrà un anno ancora prima che i dati vengano resi pubblici, il che significa che i risultati degli effetti sull’occupazione dell’intero esperimento non saranno disponibili fino alla fine del 2019. Quando si valutano gli effetti di una sperimentazione come questa e si interpretano i risultati, bisogna anche prendere in considerazione i diversi cambiamenti nella società e nelle politiche di sicurezza ed assistenza sociale che sono stati introdotti mentre l’esperimento era in corso e il loro possibile impatto sui risultati della sperimentazione del reddito di base, aggiunge il professor Kangas.

Oltre a considerare gli effetti dell’esperimento sull’occupazione, lo studio esaminerà anche il benessere dei partecipanti e le loro esperienze relazionali e con le istituzioni. Questa parte dello studio sarà basata su questionari e interviste.

Per leggere il comunicato ufficiale in inglese e altre informazioni ufficiali della sperimentazione del reddito di base in Finlandia, visita il sito dell’ Istituto per l’assistenza e la sicurezza sociale Kela (clicca qui)

Lascia un commento