Cherokee gli indiani con un reddito di base incondizionato


“Sono andato a Cherokee per esplorare l’idea di un “reddito di base universale,” che è un modo elegante per dire qualcosa che è davvero molto semplice: dare a tutti dei soldi solo perchè esistono. L’obiettivo, secondo i sostenitori di tale politica, è di alleviare, se non eliminare, il flagello della povertà. E, ancora più importante, per ridurre i mali sociali quali una cattiva salute, scarsi risultati educativi, scarse prospettive di lavoro che rischiano di aumentare le probabilità di finire in carcere. La differenza tra i poveri e i non poveri, secondo i sostenitori del reddito di base è solo il denaro. Date alla gente povera di più, e staranno meglio! Gli Stati Uniti, secondo l’UNICEF, in realtà ha il secondo più alto tasso di povertà infantile nel mondo sviluppato. Solo la Romania sta peggio. Già Martin Luther King Jr. nel libro “Where Do We Go From Here: Chaos o comunitaria”, pubblicato nel 1967, ci dice che: “l’approccio più semplice si rivelerà la più efficace soluzione per la povertà: il reddito garantito”.

Il casinò Harrah è di proprietà della Banda Orientale della Nazione indiana dei Cherokee. Nel 1996, dice Larry Blythe, vice capo della tribù, il consiglio tribale locale ha votato per fare qualcosa di poco ortodosso: ha deciso cioè di dividere la metà degli utili del casinò in modo uniforme tra i suoi membri, che ora ammontano a 15.000. I versamenti sono stati modesti in un primo momento – circa 500 dollari l’anno a persona ma ora le somme annuali raggiungono gli oltre 10 mila dollari a persona.

Kaitlin Blaylock, di 23 anni dice che ha usato i soldi per pagare i suoi studi senza debiti. James Sanders II, di 34 anni, mi ha detto che spende i soldi per i suoi due giovani ragazzi e per mettere su un business di saldatura e riparazione auto. Sorella James ‘, Lori Sanders, di 46 anni, gestisce un salone di bellezza, usa il reddito di base per mandare il figlio in gita scolastica in Europa.

Jane Costello, un ricercatore della Duke University, ha studiato gli effetti di questi pagamenti su 1.420 Cherokee nel corso di 20 anni in particolari molti bambini che ora hanno trenta anni. I risultati degli studi di Costello mettono a confronto la vita dei bambini che hanno ottenuto il reddito con quelli che non l’hanno ricevuto sono impressionanti. I bambini più poveri che hanno ricevuto i pagamenti sono un anno avanti a scuola. I  problemi comportamentali sono diminuiti del 40% e del 22% le probabilità che i bambini avrebbero commesso reati. Costello inoltre afferma che bisogna smettere con gli argomenti promossi da alcuni pensatori politici  nel corso degli anni: “Smettere di cercare di gestire i poveri e dividendo i ‘meritevoli poveri’ dagli ‘immeritevoli poveri.’ Basta dare loro i soldi. ” Viviamo in uno dei paesi più ricchi del pianeta. Non possiamo permetterci di lasciare che i nostri figli crescono poveri”

Per maggiori informazioni e leggere l’articolo per intero (in inglese). Clicca su Link correlato

Lascia un commento