1 maggio 2017: un reddito di base diritto fondamentale


“Il futuro del movimento dei lavoratori passa attraverso la rivendicazione di un reddito di base come diritto fondamentale. Con un reddito di base si ha un nuovo potere di contrattazione. È il potere di dire NO!”

Questo lo slogan principale con cui in tutto il mondo le reti per il reddito vogliono celebrare il 1 maggio 2017. Lo strumento per farlo è partecipare ad un Thunderclap comunicativo e per partecipare clicca qui

Stralcio del documento di presentazione della celebrazione del 1° maggio per un reddito di base:

“Cosa faresti se avessi un reddito di base, come diritto di cittadinanza e sufficiente per soddisfare le tue esigenze fondamentali per la vita? Questo è il reddito di base per affrontare il XXI secolo.

Il 1 ° maggio è un giorno per riconoscere internazionalmente i contributi del movimento del lavoro, le sue numerose lotte e le conquiste raggiunte nel corso degli anni. Oggi la globalizzazione ed i progressi tecnologici stanno sconvolgendo la capacità dei sindacati e dei lavoratori di affrontare i nuovi cambiamenti. Poiché l’automazione del lavoro continuerà ad eliminare posti di lavoro, oltre ad aggravare qualsiasi senso di sicurezza economica o di potere d’acquisto dei consumatori, il reddito base incondizionato rappresenta la capacità di sostenere tutti. Una nuova forza dei lavoratori per dire “No” ai lavori precari e malpagati e dare ai lavoratori un maggiore potere contrattuale.

Andy Stern, ex presidente dell’Unione Internazionale dei Dipendenti dei Servizi (SEIU) ritiene che il reddito base sia il futuro del movimento del lavoro per il XXI secolo. E non è il solo. Insieme a lui molti altri ora stanno combattendo per un reddito di base. È un’idea il cui tempo è arrivato.

Partecipa al 1° maggio come giorno per il reddito di base sostenendo questo Thunderclap. L’anno scorso abbiamo raggiunto oltre 1 milione di persone con il nostro Thunderclap. Quest’anno vogliamo arrivare a 5 milioni di persone!

Questo è il secolo dell’emancipazione tecnologica dal lavoro stesso. La disoccupazione non è qualcosa da temere. È qualcosa di benvenuto. Senza reddito di base, il 1 ° maggio celebriamo il giorno del lavoro umano. Con reddito di base, domani celebriamo il giorno del lavoro della macchina.”

Per maggiori informazioni e partecipare clicca qui

Lascia un commento